Marcianise - Capodrise - Portico - Recale - Macerata Campania

Recale, “Ti Presto Un Libro…aspettando la Biblioteca”

 RECALE. Nell’estenuante attesa di avere dei locali a disposizione per la biblioteca comunale dopo il trasferimento degli uffici nella nuova casa comunale, l’assessorato alla cultura di Recale e la consulta cultura ‘Na Chiacchiera si stanno attivando per tenere alta l’attenzione sulla realizzazione della biblioteca stessa.

“Ti Presto Un Libro…aspettando la Biblioteca” è l’ultima iniziativa messa in campo per far vivere la biblioteca prima ancora che venga inaugurata. Sabato 4 maggio, dalle ore 10 alle 18.30, sarà allestito un gazebo nei pressi dell’ingresso del parcheggio di via Roma dove, una parte dei libri della futura biblioteca, potranno essere presi in prestito dai cittadini di Recale a titolo gratuito. Parte di quei libri raccolti nello scorso luglio, e che oggi costituiscono il patrimonio librario della biblioteca comunale, saranno quindi a disposizione dei cittadini che vogliono leggerne qualcuno impegnandosi poi a restituirlo.

Molto soddisfatto dell’iniziativa l’assessore Lello Porfidia, che commenta: “Vivo due sentimenti contrastanti, uno di rabbia per la lentezza con cui stiamo procedendo nonostante il continuo pressing da parte dell’intera amministrazione sui tecnici preposti e l’altro di gioia per quanto i membri della consulta sono in grado di ideare e mettere in atto, a costo zero, per sensibilizzare i concittadini alla lettura. Forti ed incessanti anche le richieste da parte di tanti giovani universitari che chiedono uno spazio dove poter studiare ed approfondire in serenità. L’iniziativa Ti Presto Un Libro è quindi a titolo gratuito e si inserisce in quello che abbiamo definito come ‘Maggio fiorisce la Cultura’ perché sono in programmazione anche altri gazebo distributivi e degli incontri letterari per i sabato di questo mese. Mi auguro che anche questa iniziativa possa riscuotere lo stesso successo della raccolta libri. Tenerli accantonati nell’attesa della biblioteca era un peccato, hanno quindi ben pensato di prestarli per farli vivere!”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico