Maddaloni - Valle di Maddaloni

Videospot di Esposito contro il voto di scambio

 MADDALONI. Gaetano Esposito, candidato a sindaco per Pd e Sel a Maddaloni, lancia sul web il secondo spot elettorale, tutto incentrato sulla denuncia del voto di scambio e sull’urgenza di sensibilizzare gli elettori di Maddaloni riguardo a questa pericolosa pratica.

Dopo il primo spot dedicato alla cultura e l’arte di Maddaloni, il secondo è un grosso No al voto di scambio. E’ stato girato con i Giovani Democratici di Maddaloni, che in questi giorni di campagna elettorale accompagnano senza sosta il candidato Esposito in giro per la città.

“Sono giorni che mi batto – dichiara Esposito – affinché Maddaloni resti sotto l’attenzione di tutti, soprattutto a livello nazionale. Sono giorni convulsi questi ultimi della campagna elettorale e bisogna restare in allerta rispetto al tema del voto di scambio. Bisogna assolutamente sensibilizzare le persone e cercare di far comprendere a tutti, amici, cugini, parenti, conoscenti – conclude Esposito – che accettare di scambiare il proprio voto equivale a rinunciare alla propria etica, ai propri valori e alla propria coscienza”.

Parla Giovani Sposito, vic-segretario regionale dei Giovani Democratici “Diciamo No al voto di scambio e nello spot ci abbiamo messo la faccia. – dichiara Sposito – Samo convinti che cinque anni di amministrazione valgano molto di più della promessa maliziosamente sussurrata all’orecchio della busta della spesa o di un sacchetto di gettoni per videopoker o di schede telefoniche e buoni di benzina. E’ una pratica che mortifica la politica – continua Sposito – e noi vogliamo che la politica torni a dare risposte concrete ai cittadini. A Maddaloni c’è gente che con dignità e con la schiena dritta chiede che la politica torni ad essere un servizio. Gaetano Esposito è una garanzia per noi giovani, da anni ci sostiene e ha dimostrato in più occasioni il suo modo di coinvolgerci, rispettando il nostro ruolo nel partito e fuori dal partito. Questo succede oggi e succederà quando saremo noi ad amministrare”.

VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico