Home

Il Wigan vince la Fa Cup, Manchester City a picco

Wigan E’ trionfoWiganaWembley. I Latics, alla prima finale della loro storia, hanno battuto 1-0 il Manchester City e hanno vinto la FA Cup.

La partita è stata decisa solo nel recupero daWatsoncon un colpo di testa magistrale a battere Hart. I Citizens di Mancini hanno giocato male e sono rimasti in dieci all’84’ per l’espulsione di Zabaleta.Il Wigan sta retrocedendo in Premier, ma il prossimo anno parteciperà all’Europa League.

Finisce nel modo più sorprendente e imprevedibile la132esimafinale di Coppa d’Inghilterra, con la vittoria del piccolo Wigan che allo scadere beffa il favoritissimoManchester City. Una delusione che rischia di costare la panchina a Roberto Mancini. Dalla Spagna si susseguono indiscrezioni su un accordo ormai raggiunto con Manuel Pellegrini, ex Real Madrid ora al Malaga. Nei prossimi giorni se ne saprà di più. Anche se l’interessato respinge fermo ogni illazione. “Sono tutte bugie, non c’è nulla di vero. – la replica di Mancini – Il prossimo anno sarò ancora qui. Mi dispiace solo per i nostri tifosi”.

A Wembley ha deciso la rete allo scadere di una carneade, tale Ben Watson, dopo che i Citizens erano rimasti in 10 per l’espulsione di Pablo Zabaleta. Ma il Wigan di Roberto Martinez, destinato alla panchina dell’Everton al posto di David Moyes passato al Manchester United, non ha rubato nulla. Ha rispettato il ruolo di outsider, confermandosi una squadra ben più forte della somma dei suoi giocatori. L’esatto opposto di questo City, pieno di campioni ed egoismi personali. Il più classico confronto Davide contro Golia. Da una parte gli oltre 400 milioni di sterline (valore del City). Dall’altro i Latics che valgono un decimo degli avversari ma tornano a casa con la loro prima coppa in 81 anni di storia.

“Fate la storia” c’era scritto sulla porta del loro spogliatoio. Eccola. Bagnata dalle lacrime di commozione del presidente Dave Whelan: aveva acquistato questo club, che tra due settimane rischia di salutare la Premier League, in quarta divisione, e ora si tiene stretto la coppa al petto come il bambino più felice.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico