Esteri

Olanda, trovati morti i fratellini spariti

 L’AJA. L’Olanda piange i due fratellini, Ruben, nove anni, e Julian, sette, ritrovati morti in un canale dopo due settimane di ricerche.

I bambini, infatti, erano scomparsi 15 giorni fa durante una breve vacanza con il padre. Jeroen Denis, di 38 anni, padre dei bambini,era stato ritrovato suicida in un’auto in un piccolo parco nel centro del Paese. Ruben e Julian vivevano a Zeist, nella regione centrale dell’Olanda, con la madre.

I loro genitori avevano divorziato nel 2008. Dalla scomparsa, centinaia di volontari e uomini dell’esercito avevano partecipato alle ricerche dei due bambini, che si erano estese fino in Belgio. Ed erano stati utilizzati anche caccia F16 ed elicotteri.

Fino alla macabra scoperta domenica sera. E’ stato un passante a trovare i corpi in un piccolo canale a una decina di chilometri da dove era stato rinvenuto il cadavere del padre. Nella lettera scritta prima di suicidarsi, l’uomo non accennava ai figli.

“Non sappiamo ancora se il padre abbia nascosto i corpi in quel punto o se vi siano arrivati in altro modo”, ha dichiarato Johan Bac, della polizia locale.

La storia dei bambini olandesi, ricorda quello delle due gemelline scomparse in Svizzera il 30 gennaio 2011, Alessia e Livia. Il padre percorse centinaia di chilometri in macchina fino ad arrivare alla stazione di Cerignola, dove si suicidò lanciandosi tra i binari. Delle bambine, ad oggi, non si è avuta alcuna notizia.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico