Casal di Principe - San Cipriano - Casapesenna

Appalti Battipaglia, il Riesame: “Guida e Madonna non hanno agito per il clan”

 CASAL DI PRINCIPE. Il tribunale del Riesame ha concesso gli arresti domiciliari agli imprenditori Nicola Madonna, di Casal di Principe, e Attilio Guida, di Gricignano, che lo scorso 8 maggio finirono in carcere nell’ambito dell’operazione “Alma”, sul presunto intreccio tra politica e camorra negli appalti al Comune di Battipaglia (Salerno).

Per entrambi è stato escluso l’aggravante mafioso. Accogliendo le tesi dei legali difensori (Giuseppe Tessitore, Giovanni Cantelli e Alessandro Diana) per il giudice, dunque, i due non hanno agito per conto del clan dei casalesi.

L’inchiesta coinvolge anche il sindaco di Battipaglia, Giovanni Santomauro (decaduto dopo lo scioglimento dell’amministrazione, lo scorso 14 maggio, per le dimissioni della maggioranza dei consiglieri comunali) e due tecnici comunali.

Nel mirino degli inquirenti il completamento della casa comunale di Battipaglia (opereediliedimpianti tecnologici) e la messa in sicurezza di un incrocio. Opere per oltre 5 milioni di euro che, secondo gli investigatori, i due imprenditori si sarebbero aggiudicati irregolarmente.Corruzione aggravata, abuso d’ufficio, turbativa d’asta, concussione ed intestazione fittizia di beni, sono le accuse contestate a vario titolo agli indagati.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico