Pomigliano d’Arco - Castello di Cisterna

Farmacista senza lavoro si uccide e chiede “scusa” per il cadavere

 NAPOLI. Si uccide perché, rimasto senza lavoro, non riesce a pagare l’affitto di casa, e si scusa, con un biglietto, per il ”disturbo” che il ritrovamento del suo corpo arrecherà ai carabinieri.

E’ accaduto a Pomigliano d’Arco, nel napoletano, dove un uomo di 61 anni, laureato in farmacia e informatore farmaceutico, ormai da tempo senza un lavoro, si e’ impiccato nella sua abitazione, sottolineando, in un biglietto, la propria solitudine dovuta alla situazione lavorativa.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico