Campania

Caserta, offesa al seggio perché bosniaca: condanna della Boldrini

Laura BoldriniCASERTA. Offesa ripetutamente solo perché porta un cognome straniero: con l’aggravante che è stata schernita da un pubblico ufficiale nel corso dello spoglio delle schede elettorali.

Il caso è scoppiato a Maddaloni (Caserta), comune interessato al voto nella recente consultazione. A denunciare l’accaduto è Toncica Kuzmanic, 50 anni, bosniaca di nascita ma cittadina italiana da 20 anni, candidata alle comunali.

All’indomani delle elezioni – e delle polemiche scoppiate tra rappresentanti di lista del Pd e presidente di seggio – la donna si è rivolta direttamente alla presidente della Camera Laura Boldrini: “Onorevole Boldrini le scrivo in merito ad un accaduto gravissimo”, inizia. “Sono stata offesa – prosegue – perché alla continua pronuncia del mio cognome è stata allegata la frase: questa Kuzmanic deve essere qualche donna delle pulizie”. Conclusione: “Trovo agghiacciante che un pubblico ufficiale possa usare frasi simili durante uno scrutinio”.

La risposta della Boldrini non si è fatta attendere: “Nell’esprimere la mia solidarietà, la frase riferita dalla presidenza del seggio va censurata soprattutto per la modalità e per il tono dispregiativo con cui è stata pronunciata”. “La discriminazione è solo nella mente di chi la pronuncia: occuparsi di pulizie domestiche o di qualsiasi altro lavoro non è mai offensivo”.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Ospedale Aversa, la dirigente Maffeo: “In un anno e tre mesi è stato fatto un lavoro enorme” https://t.co/lfeEOZwxuh

Aversa, bufera sul bando Puc: insorge associazione nazionale urbanisti https://t.co/xsU4TiX6LY

Aversa, investita e uccisa. Il parroco al pirata della strada: “Costituisciti” https://t.co/9dpxKRSYBM

Aversa, edificio a rischio: sindaco indagato. De Cristofaro: “Sono tranquillo, già mi ero attivato per risolvere” https://t.co/CBCMs8N6sY

Condividi con un amico