Aversa

Sensibilita’ chimica multipla, Adele a “L’Indignato Speciale”

 AVERSA. Sensibilità chimica multipla (Mcs) una malattia che per lo Stato Italiano, ad oggi, non esiste ma che uccide. Perché di mcs si muore.

Semplicemente perchè è conseguenza di un danno causato al dna dall’inquinamento ambientale. Un danno che non c’è dalla nascita ma che può prodursi in ciascuno di noi nel corso della vita. E quando si verifica non c’è più niente da fare, il dna non si ripara, tranne che resistere e pregare perché abbia le minori conseguenze possibili. Gli ammalati di mcs, almeno nelle fasi iniziali, non presentano gli stessi sintomi.

Con il tempo e l’inquinamento ambientale le cose vanno sempre peggio, al punto che per loro diventa mortale anche l’aria che respirano. Però per lo Stato la malattia non esiste. E’ riconosciuta in Germania, Giappone, Stati Uniti e in tanti altri paesi, in Italia no, malgrado siano oltre cinquemila gli ammalati riconosciuti.

L’ammalato di Mcs nelle fasi iniziali, per ignoranza della patologia da gran parte della classe medica, è etichettato come “pazzo”, “fissato”, “paranoico”. Da qui la battaglia di tanti malati che si mettono in gioco, lottando per il riconoscimento della mcs.

Se avvenisse certo non otterrebbero la guarigione, impossibile ad oggi, ma forse una qualità di vita migliore, perché lo Stato potrebbe organizzarsi per offrire loro ambienti bonificati, magari riconvertendo ospedali in disuso in residenze dedicate. E’ questa la lotta anche di Adele Iavazzo intervistata da Marco Palma del Tg5.

VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Mondragone, contrabbando di sigarette: revocati domiciliari a Caprio - https://t.co/HX26ZYBMGh

Condono, Salvini: “Verità agli atti, per scemo non passo”. Lo spread tocca i 340 punti https://t.co/hucibtPCtD

Casapesenna, processo Zara. Nicola Schiavone: "Fortunato Zagaria testa di legno del boss" - https://t.co/zCIAJK9ep3

Parma, sequestrato cantiere centro commerciale vicino aeroporto: 3 indagati in Comune - https://t.co/QEz7kiJNFV

Condividi con un amico