Aversa

Patrimonio comunale, Sagliocco avvia incontri con le forze politiche

 AVERSA. Palazzo del Fascio, padiglione “Leonardo Bianchi” all’interno dell’ex ospedale psichiatrico “Santa Maria Maddalena”, chiesa dello Spirito Santo, casa natale di Domenico Cimarosa, …

… ex sede del liceo artistico in piazza don Diana, ex monastero di San Girolamo in piazza Marconi, ex complesso monastico di San Domenico con antico Palazzo di Città. Sono questi i più “vistosi” degli immobili rientranti nel patrimonio comunale, ai quali bisogna aggiungerne una miriade di minori sparsi per la città, inutilizzati, per i quali bisogna capire, decidere cosa se ne vuole fare, soprattutto in tempi di spending review.

Non a caso è stato proprio questo il tema calato sul tappeto dal sindaco Giuseppe Sagliocco in occasione del primo incontro, di quelli che dovrebbero diventare un appuntamento fisso ogni martedì, di interpartitico delle forze politiche che compongono la coalizione di centro destra che regge le sorti della città normanna dalla tornata elettorale amministrativo svoltasi esattamente un anno or sono.

“Il comune di Aversa – ha dichiarato il primo cittadino – ha un patrimonio immobiliare sterminato. Stiamo procedendo ad una revisione per capirne la reale consistenza, ma, soprattutto per decidere se quelli che attualmente non utilizzati dovranno avere o meno una destinazione pubblica. Insomma, credo sia venuto il momento che la politica si chieda se rivalutarli, venderli, permutarli o altro. Non è possibile che oggi questa ricchezza costituisca solo un aggravio per le casse comunali. Bisogna prendere una decisione condivisa”.

Ed in tema di condivisione, lo stesso Sagliocco, dopo le ennesime polemiche della scorsa settimana con il consigliere comunale Udc Augusto Bisceglia, ha voluto istituire un appuntamento fisso per un incontro interpartitico che veda presenti capigruppo consiliari e rappresentanti dei partiti per discutere e condividere le scelte amministrative. Insomma, una sorta di nuovo corso che dovrebbe registrare la discussione degli argomenti amministrativi anche nei partiti prima di giungere all’adozione di decisioni in giunta o in consiglio.

Al primo di questi incontri, presenti, oltre al sindaco, per il Pdl il coordinatore Luciano Luciano, il capogruppo Mario Tozzi e l’assessore Elia Barbato; per l’Udc il capogruppo Orlando De Cristofaro, il consigliere Mimmo Palmieri e l’assessore Raffaele De Gaetano; per Noi Aversani il capogruppo Rosario Capasso; per gli Autonomisti la consigliera Imma Lama; l’indipendente Paolo Santulli; per il Nuovo Psi l’assessore Ninì Migliaccio e il consigliere Raffaele Marino.

Sul tappeto non solo l’utilizzo del patrimonio comunale, per il quale dovranno giungere proposte concrete in occasione della prossima riunione di martedì 21 maggio, ma anche il piano triennale delle opere pubbliche che dovrebbe subire delle modifiche.

Nel corso dell’incontro sono stati anche toccati i temi in discussione nella prossima seduta di consiglio comunale prevista per il 23 maggio: le linee programmatiche dell’amministrazione Sagliocco e il conto consuntivo per l’anno 2012, in vista della redazione del bilancio programmatico per l’anno in corso.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico