Mondragone - Carinola - Falciano del Massico

Piazza (Pdl): “Mettiamo a tacere le dicerie di consociativismo”

Giuseppe PiazzaMONDRAGONE. In questi giorni di frenetici botta e risposta, nella concitazione, per qualcuno, di riflettere a tambur battente cosa venga dichiarato o meno, appare oltremodo strumentale la determinazione da parte di interlocutori virtuali (via web o su carta stampata) di attribuire volontà o espressioni non dichiarate.

Concordo con il mio capogruppo, dottor Verrengia, che l’onorevole Landolfi non ha bisogno di difensori e, quindi, non io, non lui e nemmeno difensori di ufficio debbano farsi portavoce o manifestare le sue idee. La mia presa di posizione era finalizzata esclusivamente ad introdurre un elemento di critica riflessione all’interno del partito, sempre e solo sotto l’aspetto politico, tant’è che, a differenza del capogruppo, non entro proprio nel merito su quanto da lui dichiarato circa la fine della fase politica dell’ex ministro. Non spetta a me, ma non spetta, comunque, a nessun altro.

Ciò che mi preme è quello di portare un contributo nel partito alla presenza di tutti gli iscritti e di tutti i simpatizzanti, anche dell’onorevole Landolfi e dell’onorevole Nugnes, per discutere di tutto quanto sta accadendo nella vita politica cittadina, nella maggioranza e all’interno del Pdl. Appare evidente ed innegabile che, negli ultimi tempi, si stia verificando uno scollamento della maggioranza che sostiene l’esecutivo.

E’ di pochi giorni fa la dichiarazione resa in Consiglio Comunale dal Consigliere del Npsi, Napolitano, circa la sua voluta assenza a qualsiasi forma di attività politica della maggioranza se prima il sindaco non proceda all’azzeramento della giunta. E’ di oggi un’altra netta presa di posizione del Consigliere Mascolo, quale responsabile della lista Intesa per Mondragone, il quale, alla luce dell’operatività dell’esecutivo, chiede, anch’egli, l’azzeramento del governo cittadino.

E’ noto a tutti come si stia vivendo un momento di impasse nella maggioranza a sostegno della giunta Schiappa e per cui sarebbe opportuno, che alla vigilia del primo anno dell’amministrazione e prima dell’approvazione del bilancio preventivo, si effettui una sorta di ‘tagliando’ della squadra e si valuti quanto di buono si è fatto, quanto si poteva fare meglio e quanto ancora si poteva fare e non è stato fatto.

Quale migliore occasione, quindi, se non quella prima del bilancio previsionale, nel quale si traducono in numeri le volontà politiche di una coalizione e dove si percepiscono gli obiettivi che la maggioranza si prefissa sia nel breve termine (annuale) sia nel medio termine (triennale), di affrontare le discrasie che sono emerse nella coalizione.

Sarebbe il caso, allora, che ci si facesse carico delle responsabilità da parte di tutti, soprattutto da parte del partito che rappresenta la maggioranza della coalizione, per affrontare tutti insieme il momento delicato che si sta vivendo. Così facendo si metterebbero, oltremodo, a tacere quelle strane dicerie che circolano in città e che vorrebbero parte dell’opposizione dialogare con parte della maggioranza.

Giuseppe Piazza

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico