Mondragone - Carinola - Falciano del Massico

La giunta approva il rendiconto 2012

 MONDRAGONE. La Giunta comunale ha approvato il Rendiconto della Gestione relativa all’esercizio 2012.

Strumento in cui sono certificate le entrate e le spese sostenute dall’Ente nell’esercizio finanziario precedente, il rendiconto contiene il conto del bilancio, il conto economico ed il conto del patrimonio. L’Esecutivo cittadino, nella relazione allegata, illustra gli importanti risultati raggiunti tra i quali la riduzione dell’anticipazione di cassa da considerare, sicuramente, quale primo passo verso il risanamento dell’Ente: obiettivo primario di questa Amministrazione guidata dal Sindaco Giovanni Schiappa.

Tale obiettivo conseguito con perseveranza e costanza, è stato perseguito congiuntamente con quello dell’estinzione di debiti di antica data. L’attenta analisi degli indicatori finanziari evidenzia in primo luogo una diminuzione della pressione fiscale, anche grazie al potenziamento da parte di questa Amministrazione delle attività di verifica sull’elusione/evasione dei tributi locali.

L’attivazione del Sit (Sistema Informativo Territoriale) consentirà un più capillare controllo sul territorio. Sono state bandite e sono ancora in corso di svolgimento importanti gare come quella europea per l’affidamento biennale del servizio della raccolta dei rifiuti solidi urbani. Anche la raccolta differenziata registra una stabilizzazione, assestandosi a febbraio 2013 al 34.53%.

Importanti progetti per il territorio da realizzare con fondi regionali sono stati intrapresi e, tra quelli già finanziati dalla Regione Campania, per un importo di circa 25.000 euro, c’è il progetto per il Museo Civico “dalla Preistoria al Medioevo: I volti di Mondragone”. Sempre con fondi regionali ed europei si stanno realizzando grandi opere quali il recupero del Palazzo Tarcagnota e l’impianto sportivo polifunzionale, più comunemente denominato pallonetto dello sport.

Per quanto riguarda le spese, facendo una scelta politica ben precisa, questa Amministrazione, sin dal suo insediamento, ha tagliato le quelle di rappresentanza, rinunciando tra l’altro a somme finalizzate a rimborsi per trasferte o missioni, così come l’intero Consiglio comunale ha deciso di rinunciare al gettone di presenza per devolverlo a scopi sociali.

Altro taglio alle spese da parte del’Ente è la decisione di non rinnovare i contratti di noleggio delle autovetture utilizzate alla loro naturale scadenza, ricorrendo alle sole auto confiscate acquisite. Allo stesso modo sono stati eliminati tutti i canoni di locazione pagati per l’ubicazione degli uffici comunali dislocando gli stessi presso immobili già di proprietà comunale o confiscati alla criminalità organizzata.

Nell’ottica del taglio delle spese anche a lungo termine, ma anche con un occhio a temi cari a questa Amministrazione quali l’ambiente ed il risparmio energetico, sono stati installati sul tetto della casa comunale una serie di impianti fotovoltaici.

Inoltre un’importante e significativa “rivoluzione” informatica dell’attività e delle procedure degli uffici sta facendo registrare positive ricadute in termini di produttività ed efficacia sull’intero apparato burocratico, ma soprattutto una riduzione di alcune voci di spesa fisse quali ad esempio le spese postali che, con l’incremento dell’uso della posta elettronica e della Pec, sono state notevolmente diminuite.

Nell’ambito delle manifestazioni turistiche e culturali questa Amministrazione ha scelto una nuova modalità di intervento che intende favorire un partenariato attivo tra le Associazioni dei Commercianti con quelle operanti sul territorio e l’Ente: modalità che ha portato al successo sia in occasione delle Notti Bianche del mese di agosto 2012, che in occasione del Natale 2012 e del Carnevale 2013.

Nel 2012 sia l’Arpac che il Ministero dell’Ambiente hanno attestato il netto miglioramento della qualità delle acque marine opportunamente promosso da una campagna sulla stampa quotidiana volta a dare ampia diffusione della ritrovata balneabilità del mare di Mondragone.

Si deve segnalare, inoltre, l’adeguamento degli uffici e la manutenzione straordinaria della pubblica illuminazione con una rete sempre più vasta che serve l’intero territorio. Sono stati spesi circa 100.000 euro per ulteriore manutenzione agli edifici scolastici.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico