Italia

Governo, incarico a Letta. Alfano: “No a governicchio”

Enrico Letta,ROMA.Enrico Letta, il “prescelto” da Giorgio Napolitano per l’incarico di premier. Il vicesegretario del Pd è giunto al Quirinale intorno alle 12.30. Ha accettato, come da rito, con riserva, sottolineando che “il governo non nascerà a tutti i costi”.

Davanti ai giornalisti Letta ha detto di aver accettato “sentendo sulle spalle una grande responsabilità perché questa situazione inedita e fragile non può continuare. Il Paese sta aspettando un governo”. Lavoro e emergenza giovani sono, come ha riferito il premier incaricato, le priorità del prossimo esecutivo, a cui seguono “riforme istituzionali per ridurre il numero dei parlamentari, cambiare il bicameralismo e una nuova legge elettorale”. Proprio in merito alla legge elettorale Letta ha ritenuto che “se si rivotasse ora l’effetto blocco sarebbe uguale a quello attuale e non ce lo possiamo permettere”. Da qui un “appello alla responsabilità di tutte le forze politiche in Parlamento”.

Dal segretario del Pdl, Angelino Alfano, intanto giunge l’invito ad evitare un “governicchio”, altrimenti il suo partito si chiamerà fuori. “E’ bene chiarire al Pd – ha detto Alfano – che per noi non ci sarà un nuovo caso Marini, non daremo il sostegno a uno di loro cui loro non daranno un sostegno reale, visibile”.

Secondo l’ex Guardasigilli il Pd, pur negandolo, non avrebbe intenzione di formare un governo forte. Alfano prende spunto dalle dichiarazioni rilasciate nelle ultime ore da esponenti democratici: “Un florilegio di attacchi al Pdl, – dice Alfano – al suo leader e alla storia del nostro partito, unito a organigrammi, nomi, poltrone e cadreghe varie. Il tutto aggravato da una inquietante sudditanza psicologica a una sorta di primato dei tecnici”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico