Italia

Bologna, crisi: arriva lo sfratto e si toglie la vita

 BOLOGNA. Aveva ricevuto un’ingiunzione di sfratto ed era disperato. Sapeva che nella mattinata di lunedì l’ufficiale giudiziario avrebbe bussato alla sua porta e avrebbe dovuto lasciare quella casa.

Ma non ha retto. Così un consulente immobiliare di 59 anni si è tolto la vita a Bologna. L’ufficiale giudiziario ha suonato al citofono dell’appartamento di via dei Mille per la notifica del provvedimento ma non ha ottenuto nessuna risposta.

Così, per aprire la porta, è intervenuto il proprietario di casa che ha scoperto, assieme alla polizia, il cadavere.

L’uomo, che era separato da otto anni, si è tolto la vita sparandosi un colpo di fucile. Ancora in corso le verifiche per accertare la dinamica del suicidio.

Proprio a Bologna, qualche giorno fa, una cinquantina di persona avevano organizzato un sit in di protesta contro una tragedia, quella dei suicidi per la crisi economica, che sembra non aver fine.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico