Casagiove - Casapulla - Curti - San Prisco

Sospensione assistenza domiciliare: la condanna del Pd

 CASAGIOVE. Indescrivibile caos nell’erogazione di servizi sociali essenziali ad anziani e disabili. Casagiove, colonia casertana, che non conta nulla e non sa far valere i propri diritti, ha visto sospendere senza alcun preavviso il servizio di assistenza domiciliare agli anziani per un’intera settimana.

Il servizio ai disabili è continuato solo per la disponibilità delle operatrici, che hanno messo a rischio la loro stessa remunerazione.
Il servizio dovrebbe essere riattivato dal prossimo lunedì 8 aprile. Le operatrici che svolgono questo lavoro si son visto negare dal Comune di Caserta, che è capofila, il rinnovo dei contratti. L’ufficio di piano non esiste più e i bene informati parlano di una costituenda Agenzia, non meglio definita nella sua struttura, nelle sue funzioni e nei suoi poteri, che temiamo possa diventare un altro carrozzone mangiasoldi e luogo di collocamento di amici e clienti.
Da lunedì, le operatrici non dipenderanno più direttamente dall’ambito ma da cooperative scelte da chi e in che modo, non lo si sa. Avranno un nuovo contratto di lavoro, di soli due mesi, penalizzante rispetto al precedente, ma dovranno dare lo stesso impegno e le stesse ore di lavoro.
Il Pd Casagiovese, ormai neanche più stupito, ma sempre più indignato, dalla subalternità della nostra Amministrazione alle decisione assunte a Caserta, dall’assenza di politiche sociali indispensabili in una fase di crisi che morde, stigmatizza l’assenza di chiarezza nei confronti dei cittadini assistiti, parte veramente debole di una società che rischia di perdere i suoi fondamenti di solidarietà, e chiede di conoscere le ragioni di tanti disagi e di tanta confusione e le decisioni, se si ha il coraggio di assumerle, per evitare comportamenti odiosi che scaricano la loro negatività su chi vive nella sofferenza e nel disagio.
Il Pd di Casagiove

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico