Aversa

Pdl, Ciaramella invoca il congresso cittadino

 AVERSA. Un congresso cittadino per mettere fine a incomprensioni e divisioni interne al Pdl. Questa la proposta che avanza ai componenti del Popolo delle Libertà, l’ex sindaco Domenico Ciaramella in una lettera aperta inviata a tutti gli iscritti del partito.

“Non c’è alcuna velleità di rientro, nessuna volontà di essere ancora protagonista della politica. Sono tornato al mio lavoro, faccio il nonno e per le mie note condizioni di salute non mi sentirei di tornare nell’agone politico anche se mi venisse chiesto dagli organi di partito”, commenta l’ex sindaco per sgombrare il campo agli equivoci e ai pensieri, sempre possibili, di chi vede in ogni sua mossa un ipotetico tentativo di rimettersi in gioco.

“Non c’è l’ho con nessuno, nemmeno con il sindaco Sagliocco che sembra voler cancellare tutto quanto di buono abbia fatto, malgrado poi utilizzi quanto ho seminato in dieci anni per gestire la nostra città, ma – aggiunge – da uomo di partito, da cittadino che ama Aversa ho sentito il bisogno di avanzare un suggerimento che spero sia valutata nella giusta maniera e magari accettata”.

Ed eccola la proposta riportata nella lettera aperta indirizzata a tutti gli iscritti del Pdl che vi proponiamo nella sua completezza.

“Care amiche e cari amici di partito, non avendo né il tempo né il modo di contattarVi singolarmente, ho pensato di scriverVi una lettera aperta. Ho, ovviamente, provveduto, con una mail, nel rispetto dei rapporti istituzionali, ad informare di questa iniziativa il coordinatore regionale e i rappresentanti del partito ai vari livelli. Cosa mi ha spinto, Vi chiederete, ad abusare di un po’ del Vostro tempo?

E’ presto detto: l’aver appreso a mezzo stampa che il coordinamento regionale del Pdl ha invitato i coordinatori provinciali a mettere in atto le procedure per arrivare in tempi brevi ad un ricambio dei coordinatori delle principali città della Campania e, dunque, anche della nostra Aversa.

E’ trascorso circa un anno da quando ho concluso la mia decennale esperienza di sindaco della Città di Aversa. In questi mesi, anche per recuperare le energie, sono stato lontano dalla politica attiva ma ho sempre seguito attraverso la stampa le vicende del nostro partito. E’ inutile nasconderVi che in questo lungo lasso di tempo tanti amici mi hanno sollecitato ad intervenire pubblicamente per tentare di scuotere il partito da un torpore e da un immobilismo non più tollerabili.

Oggi l’iniziativa messa in atto dal Coordinatore regionale, senatore Nitto Palma, mi induce ad intervenire con convinzione perché per la nostra città rappresenta, a mio giudizio, un’occasione da non perdere per riportare il partito nell’alveo del confronto e della dialettica democratica.

Il Pdl normanno da troppo tempo è, infatti, diretto e governato da un commissario. E da troppo tempo si avverte l’esigenza di chiamare in causa tutti gli iscritti attraverso un libero e democratico Congresso Cittadino. Convinto, come sono, che sostituire un commissario con un altro commissario in questo momento non contribuisca a dare quell’immagine di trasparenza, di partecipazione e di democrazia di cui si sente assolutamente bisogno, anche per ricompattare un partito segnato negli ultimi tempi da troppe e importanti defezioni.

Il congresso cittadino, che auspico venga convocato in tempi brevissimi, rappresenterebbe anche l’occasione per smussare le troppe contrapposizioni in atto e per inaugurare una nuova stagione all’insegna del confronto democratico e non delle decisioni prese da pochi nelle stanze dei bottoni. Questa inversione di rotta la chiedono gli iscritti e, soprattutto, i giovani.

Abbiamo il dovere morale di mettere la nostra esperienza al servizio dei giovani per far crescere una nuova classe dirigente e un nuovo modo di far politica, capaci di nutrirsi fino in fondo del loro entusiasmo, della loro capacità di crescere, di progettare e di vincere.

Mi auguro che questa mia iniziativa sia letta dagli organi dirigenti del partito con lo stesso spirito costruttivo che mi ha indotto ad assumerla, che è, poi, lo spirito di un uomo che vuole bene al partito, un partito al quale ha dato tanto ma dal quale ha ricevuto tanto”.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Mondragone, contrabbando di sigarette: revocati domiciliari a Caprio - https://t.co/HX26ZYBMGh

Condono, Salvini: “Verità agli atti, per scemo non passo”. Lo spread tocca i 340 punti https://t.co/hucibtPCtD

Casapesenna, processo Zara. Nicola Schiavone: "Fortunato Zagaria testa di legno del boss" - https://t.co/zCIAJK9ep3

Parma, sequestrato cantiere centro commerciale vicino aeroporto: 3 indagati in Comune - https://t.co/QEz7kiJNFV

Condividi con un amico