Italia

Bersani: “Abbiamo il dovere di fare una proposta”

 ROMA. “Dopo le analisi della Direzione di ieri entriamo con tutti e due i piedi nella realtà del momento”. Lo ha detto il leader del Pd, Pierluigi Bersani, durante la presentazione del piano dei democratici.

“La situazione – continua – non è più elettorale ma parlamentare e il Pd ha quasi il doppio dei parlamentari della destra e quasi il triplo di Grillo. In altri sistemi elettorali ci sarebbe la governabilità ma nel nostro balordo sistema elettorale questo non è consentito”.

“Le nostre proposte viaggeranno in un meccanismo di partecipazione e consultazione, metteremo le proposte in rete”, dice Bersani a proposito delle 8 proposte del centrosinistra per il governo del cambiamento che per Bersani “sono troppo poche rispetto a un programma di legislatura e di governo. E’ ovvio. Ma per noi sono un abbrivio per la legislatura”. I punti presentati sono: corruzione, concussione, traffico di influenze illecite, autoriciclaggio, falso in bilancio e scambio elettorale.

“Sono norme – sostiene Bersani in conferenza stampa insieme a Piero Grasso – che non riguardano solo il grado di civismo, ma l’economia. E’ il punto più cruciale: un paese che vuole tornare a crescere non può essere al 72/mo posto nella classifica dei paesi più corrotti. Non è vero che con l’onestà non si mangia, con l’onesta si mangia e si beve”.

Per quanto riguarda M5s e Beppe Grillo, il leader del Pd dice: “Io a Grillo non ho da dire niente, lui non vuole diplomazie, scambi di sedie… Io ne voglio ancora meno di lui, ha scelto una via parlamentare, poteva sceglierne una extra-parlamentare, adesso dirà come intende prendersi questa responsabilità, davanti al paese. Voglio solo sottolineare che l’idea del tanto peggio tanto meglio è distruttiva. Non inseguo Grillo in tutte le sue dichiarazioni mattiniere, quotidiane e serali. Io ho in testa il mio paese”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico