Esteri

Obama in Israele: “Fieri di essere vostri alleati”

Barack Obama TEL AVIV. Barack Obama è giunto a Tel Aviv per la sua prima visita in Israele da presidente degli Usa. Ad accoglierlo il premier Benyamin Netanyahu e il presidente Shimon Peres.

“Restiamo al fianco di Israele, perché è un nostro interesse di sicurezza”, ha detto Obamaal suo arrivo all’aeroporto della capitale. Obama ha aggiunto che “non è casuale” che si svolga proprio in Israele la sua prima visita all’estero nel suo secondo mandato. “Essa rappresenta per me l’opportunità di ribadire i legami indistruttibili che ci legano”, ha proseguito, assicurando che gli Usa sono “fieri” di essere i migliori alleati dello Stato ebraico e dicendosi fiducioso che tale alleanza sia destinata a conservarsi “eterna”, “per sempre”.

Obama ha voluto esibirsi anche con alcune parole in ebraico. Dopo aver ricordato che per lui questa è la terza visita (le altre precedenti alla sua elezione alla Casa Bianca), il presidente degli Usa ha detto: “Shalom, tov lihiot shuv ba-Aretz”, ossia: “Saluti, è bello essere di nuovo nella Terra” d’Israele. Parole che hanno suscitato sorrisi di sorpresa da parte del capo dello Stato israeliano Peres e del premier Netanyahu e che sono state accolte con un applauso da parte dei dignitari israeliani schierati ai bordi del tappeto rosso di benvenuto.

“Grazie per essere a fianco di Israele in questo momento di cambiamento storico”, ha detto Netanyahu nel breve discorso di benvenuto all’aeroporto Ben Gurion. “Lei ha scelto di venire in Israele – ha sottolineato – nella sua prima visita del suo secondo mandato”.

Spazio anche per un siparietto. Secondo la televisione commerciale, Canale 2, non è stato possibile in alcun modo mettere in moto la limousine blindata a disposizione di Obama. Di conseguenza è stato deciso di far arrivare un’identica vettura di rappresentanza americana, che si trovava in Giordania. L’intoppo non ha comunque disturbato i programmi immediati di Obama che dall’aeroporto ha raggiunto Gerusalemme in elicottero.

Giovedì il presidente Usa vedrà la leadership palestinese, mentre venerdì incontrerà il re Abdullah II di Giordania. Dopo avere visitato Petra, è previsto che sabato Obama torni negli Stati Uniti.

Per la visita di Obama è stata rafforzata al confine fra Israele e Egitto col dispiegamento di carri armati e il sorvolo di elicotteri israeliani. Anche sul lato egiziano sono stati rafforzati i dispositivi di sicurezza e i controlli ai check point. La prima visita di Obama in Medio Oriente non ha avuto grande riscontro sui giornali egiziani. Nessun titolo in prima pagina, solo qualche notizia sui principali quotidiani.

Mentre Obama atterrava a Tel Aviv, centinaia di attivisti palestinesi hanno creato un avamposto di protesta nelle terre della Cisgiordania vicine alla città-colonia ebraica di Maaleh Adumim. Fonti dei dimostranti hanno riferito che sul posto sono state erette a sorpresa una quindicina di tende, chiamate “L’accampamento degli onorevoli di Yunes”. Con questa iniziativa hanno voluto protestare contro le recente requisizione israeliana di terre nell’area E-1, fra Gerusalemme e Maaleh Adumim.

Anche a Gaza migliaia di palestinesi hanno inscenato un corteo di protesta nella strada centrale, la Omar al-Mukhtar. Guidati da delegazioni di Hamas, della Jihad islamica, di al-Fatah e delle fazioni della sinistra marxista, i dimostranti hanno scandito slogan anti-americani rimproverando gli Stati Uniti per il loro “sostegno unilaterale” ad Israele. Per risolvere il conflitto, hanno aggiunto, gli Usa devono essere invece imparziali.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico