Casal di Principe - San Cipriano - Casapesenna

Casapesenna tra i rifiuti: chiesa e associazioni si appellano ai commissari

 CASAPESENNA. Casapesenna è sommersa dai rifiuti che stazionano oramai quasi da un mese nelle strade e piazze del paese, con enormi cumuli in bella mostra nei luoghi più rappresentativi quali la sede del Municipio, del cimitero e della chiesa parrocchiale.

Il livello di assoluta pericolosità per l’igiene e la salute pubblica è del tutto evidente come lo è il fatto che questa commissione straordinaria non riesca in alcun modo a porvi rimedio. La prossima settimana la cittadina si troverà immerso nell’atmosfera religiosa delle Festività Pasquali respirando i vapori nauseabondi dei sacchetti oramai in decomposizione, cercando, con indecorosi slalom, di raggiungere i luoghi di destinazione.

La commissione straordinaria, per risolvere il gravissimo problema, ad oggi ha prodotto soltanto un’ordinanza, con la quale, partendo dall’illustrazione della gravità della situazione sotto l’aspetto igienico-sanitario e poggiando sulla cronica inerzia e inadempienza contrattuale del Consorzio Unico di Bacino affida, per la durata di dieci giorni, ad una società, la rimozione dei rifiuti, in modo diffuso sulle strade cittadine ed in vecchia giacenza nel centro urbano, nel perimetro esterno cimiteriale e nelle immediate vicinanze della stazione ferroviaria, con propri automezzi e personale in numero idoneo da porsi a supporto, integrazione e sostituzione del servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti solidi urbani.

Ma sono trascorsi 11 giorni, e nulla è stato fatto per risolvere la situazione che ormai sta generando notevole allarme sociale nella popolazione. Da qui la richiesta della Parrocchia S.Croce e di un gruppo di associazioni locali (Legambiente, Fare Ambiente, Circolo della Cultura Rurale, Movimento 5 Stelle, Casapesenna Futura, Cooperativa Solidea, Presidio Libera) e di numerosi cittadini, indirizzata alla commissione, di ripristinare le condizioni minime di igiene urbana per la salvaguardia della salute della popolazione.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico