Campania

Il cardinale Sepe: “Ho invitato Papa Francesco a venire a Napoli”

 NAPOLI. “Ho invitato il Papa a venire a Napoli. Lo avevo fatto già un anno fa e adesso dopo l’elezione ho rinnovato l’invito”.

Lo ha detto l’arcivescovo di Napoli, il cardinale Crescenzio Sepe, parlando con i giornalisti durante una conferenza stampa che si è svolta nel Palazzo arcivescovile. “l pontefice mi ha detto ‘vedremo’. E mi ha confidato di avere una zia a Castellammare di Stabia. So che adesso ha tanti impegni”, ha aggiunto Sepe, che sembra essere molto fiducioso. “Gli ho sussurrato: Santità, ‘a Maronna t’accumpagnà”, ha proseguito l’arcivescovo di Napoli. E il papa di rimando ha detto: “Cosa significa?”.

“Gli ho spiegato che la Madonna lo deve accompagnare”, ha detto il cardinale Sepe. “L’elezione di Papa Francesco “è stata una sorpresa per tutti perchè le previsioni erano ben diverse”. “La constatazione che dobbiamo fare – ha aggiunto il cardinale Sepe – è che, ancora una volta, dobbiamo ammettere che la storia degli uomini e della Chiesa è scritta da Dio e va sempre al di là di quelle che possono essere le considerazioni e le valutazioni umane”.

“Questo Papa – ha proseguito – con la sua trasparenza, coerenza, umiltà e coraggio saprà dare quella svolta alla Chiesa e alla società. E’ un uomo ricco di grande e forte spiritualità, quella spiritualità tipicamente gesuitica fatta di preghiera e sacrificio. Non ci siamo posti domande riguardanti la geografia, la storia o l’eta – ha assicurato l’arcivescovo di Napoli – ma ci siamo chiesti quale Papa per quale Chiesa. Naturalmente, venendo da un’esperienza di arcivescovo di Buenos Aires dove ha visto la povertà corporale e spirituale della gente, questo contribuirà a dargli maggiore forza per affrontare queste situazioni”.

E a chi gli ha chiesto se ci sono possibilità che venga nominato Segretario di Stato, il cardinale Sepe ha risposto: “Dovete chiederlo a Francesco, non a me. Vedremo”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico