Italia

Ratzinger aveva annunciato le dimissioni. Sara’ vescovo emerito di Roma

 CITTA’ DEL VATICANO. “Né spaesato né stanco, dopo Vatilikeas”. Così si è sentito il Papa Benedetto XVI, secondo quanto ha raccontato circa 10 settimane fa al suo biografo Peter Seewald, come anticipato dal magazine tedesco Focus.

Seewald, con il Papa, ha scritto il libro-intervista “Luce del mondo”, frutto di diverse conversazioni con Benedetto XVI, l’ultima delle quali, appunto, una decina di settimane fa. Alla domanda su cosa ci fosse da aspettarsi dal suo pontificato, invece, il Papa rispose: “Da me? Non molto. Io sono un uomo anziano le mie forze diminuiscono. Credo che possa anche bastare quel che ho fatto”.

“In Vatilieaks era importante che venisse garantita la indipendenza della giustizia, che un monarca non dicesse: adesso prendo io le cose in mano”, disse il Papa a Seewald. “Non potrei dire, che io sia caduto in qualche sorta di disperazione o dolore universale – ha detto il Papa parlando di Paolo Gabriele con Seewald – Mi è semplicemente incomprensibile. Anche se vedo la persona, non posso capire, che cosa ci si possa aspettare. Non riesco a penetrare in questa psicologia”.

Lasera del 28 febbraio Ratzinger sorvolerà con l’elicottero il Laterano diretto a Castel Gandolfo, accompagnato dalle campane a distesa. Dalle ore 20 e un minuto perderà il titolo di Sommo Pontefice e di vescovo di Roma, conservando però quello di vescovo emerito di Roma, secondo quanto hanno stabilito gli esperti del Vaticano sciogliendo uno dei tanti busillis giuridici.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico