Italia

Berlusconi: “Tangenti esistono e si pagano”

 ROMA. “La tangente è un fenomeno che esiste, non si possono negare le situazioni di necessità se si va trattare nei Paesi del terzo mondo o con qualche regime”.

Lo ha detto Silvio Berlusconi nel corso di Agorà parlando delle inchieste su Finmeccanica. Parlando dell’India che ha bloccato le commesse, il Cavaliere risponde: “L’India è un paese fuori dalla sfera occidentale, sono moralismi assurdi così non si fa l’imprenditore”. “Spero che gli italiani non si meraviglino da sepolcri imbiancati – ha detto Berlusconi parlando di Finmeccanica e di quanto detto da Monti – Orsi è un ottimo amministratore delegato, il migliore in quel periodo ed è andato ad occupare un posto nell’azienda più importate”.

“Queste cose sono sempre proibite dalla legge. Ma sono cose a latere, certi Paesi magari ti chiedono di fare una scuola o un ospedale, che non sono cose contro la legge: sono costi che le aziende mettono in bilancio. Non vedo reati da parte delle nostre aziende – ha ribadito Berlusconi a proposito dello scandalo Finmeccanica – Io non posso dire di conoscere la situazione, ma e’ chiaro che le nostre aziende che vendono prodotti all’estero si devono confrontare con le abitudini dei paesi stranieri dove, se c’è una piena democrazia, non c’è nulla di più rispetto al bando di gara per l’applto, ma ci sono situazioni in cui oltre alla gara d’appalto devi fare delle opere, oltre appunto all’appalto stesso. E se si vuole essere presenti in questi mercati si devono accettare le regole, non dico che sono buone, ma sono una nececessità se si vuole essere competitori”.

“MONTI NON CAPISCE NULLA DI ECONOMIA”.“E’ una mascalzonata pura, io ho fatto una campagna economica e fiscale – ha detto Berlusconi – Monti capisce pochissimo di economia e ci ha portato a tre milioni di disoccupati, non capisce nulla di economia, è un professorino che ha guadato l’economia dal buco della serratura. Lo volevamo come federatore dei moderati per riavere Casini, non gli avremmo dato da fare il candidato premier, ma il leader della coalizione e io sarei stato in campo come presidente del Pdl”. “Il governo dei tecnici ha peggiorato tutti gli indicatori economici – ha detto il Cavaliere – I conti erano in ordine quando andammo via. E’ stata detta una grande mascalzonata quando si disse che l’Italia era vicina al baratro”. “Ha applicato politica austerità con aumento tasse facendo le riforme sbagliate come quella Fornero. Monti è stata la più grande delusione, con Fini e Casini, della mia vita”.

“SI A IMMUNITA’ PARLAMENTARE”.“Sì perchè c’è una magistratura rossa, un cancro per la democrazia, una patolgia enorme del vivere cicile, è una cosa barbara per quanto riguarda le intercettazioni”, ha risposto Berlusconi a chi gli chiedeva se sia favorevole a reintrodurre l’immunità parlamentare.

“GRILLO PERICOLO PER LA DEMOCRAZIA”. “Grillo è un pericolo della nostra democrazia – ha detto Berlusconi – Lui ha raccolto gli italiani disgustati ma non ha un programma. Sono preoccupato, lui pensa solo a picconare l’estrabilishment esistente, ma non propone nulla di costruttivo. Votando Grillo ci troveremo persone di estrema sinistra”. Il Cavaliere accusa l’attore di fare “comicità di bassa lega”.

“ALFANO PREMIER, IO ALL’ECONOMIA”.“Alfano è il migliore dei nuovi protagonisti della politica – dice l’ex premier – Io sono qui a fare una battaglia e poi penso di essere sostituito con un ricambio generazionale che io ho voluto, Alfano ha 40 anni meno di me. Proporrò Alfano premier e io ministro dell’Economia”.

“TREMONTI ALLA SALUTE, COSI’ ORDINERA’ SUPPOSTE”. “Ha un fratello farmacista mandiamolo al ministero della Sanità, così può ordinare supposte a tutti gli italiani – ha detto Berlusconi – Tremonti, a parte il ministero dell’Economia, può andare dove vuole”.

“LEGGE GIUSTA QUELLA SU FALSO IN BILANCIO”. “Assolutamente no. La legge prevede una pena edittale fino a 2 anni per le false rappresentazioni, se la società è quotata in Borsa la pena sale a 5 anni così come se le rappresentazioni provocano danni a terzi o ad azionisti. È una norma fondata e giusta, solo la sinistra, nella sua massima ignoranza dice che non c’è più”.

LA GAG CON L’IMPIEGATA: “SCHERZAVO, RISPETTO LE DONNE”. “È una storia che viene fuori dai sepolcri imbiancati dei giornali”, ha detto Berlusconi a proposito delle polemiche nate dal suo botta e risposta con una signora nel corso della sua visita all’azienda green power in Veneto. “Io ho fatto un intervento con un grande contenuto molare. Prima però sul palco è salita una signorina che mi ha sottoposto un contratto con una serie di servizi plurimi e molte visite da parte della persona che era incaricata e che in questo caso era la stessa signorina. Allora io senza nessuna malizia ho chiesto quante volte dovesse venire e la gente si è messa a ridere. Io ho il masso rispetto sempre nei confronti delle signore o signorine, non ho mai mancato di rispetto a nessuno. Se c’è una cosa che ho imparato dalla famiglia e dai salesiani è avere rispetto per i più deboli”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico