Italia

Berlusconi: “Monti e Pd disperati, credevano già di aver vinto”

 ROMA. “Sono disperati perché credevano di avere la vittoria a portata di mano”.Così Silvio Berlusconi torna all’attacco contro Mario Monti e Pierluigi Bersani dai microfoni di Studio Aperto.

“Il loro programma va nella continuazione della politica adottata da questo governo negli ultimi 13 mesi:Imu, aumento Iva, no riduzione Irap imposta rapina per le imprese. Loro non riescono a far altro che veder ridursi la distanza da noi, siamo in area di sorpasso”.

“Bisogna che per la ripresa ci sia la diminuzione delle tasse per le imprese e le famiglie così si avranno più consumi e posti di lavoro”, aggiunge Berlusconi. “I sondaggi ufficiosiche abbiamo avuto ieri sera – continua il Cavaliere – ci danno vicini ed in alcune regioni alla pari con la sinistra, nelle prossime 3 settimane via via che gli italiani capiranno il nostro impegno sull’Imu e che è una cosa possibile, io credo che saranno molti di più i voti a nostro favore”.

“Mi ha deluso – dice Berlusconi riferendosi a Monti – Si è rivelato una persona completamente diversa dalla persona che avevamo pensato che fosse. Non ha credibilità perché aveva promesso a Napolitano a me, a Bersani e agli italiani che non sarebbe diventato un protagonista della politica e che avrebbe fatto l’innovatore, invece si è messo con due tipi come Fini e Casini che erano in Parlamento trent’anni fa”.

Il leader del Pdl insiste sulla necessità di non “disperdere voti a piccoli partiti come quello di Monti, Casini, Fini e Giannino”. “Voti sprecati – sostiene Berlusconi – e non vorrei che fossero proprio quei voti che facessero la differenza e a causa della loro mancanza vincesse la sinistra. Mando un invito di cuore al dottor Giannino di ritirare la sua lista visto che quello che lui propone è presente nel nostro programma”. Immediata la replica di Bersani.

“Berlusconi più la Lega sono una forza che arriva al 24 per cento. Di questo si tratta, e quindi di una forza non tanto lontana dalle destre di altri paesi europei come la Francia”, dice. “Monti ha costruito una sua forza politica, è nella competizione”, afferma il leader del Pd.

“Ci sono schermaglie elettorali ma io ho sempre detto che sono prontissimo a una collaborazione con tutte le forze che sono contrarie al leghismo, al berlusconismo, al populismo. Con tutte queste forze e, certamente, anche con il professor Monti”, ha concluso.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico