Home

Il Napoli naufraga in Europa League: tre reti dal Viktoria

 Il Napoli crolla sotto i colpi dei cechi delViktoria Plzen e dice praticamente addio all’Europa League.

I cechi esultano al termine di una partita giocata in maniera pressocchè perfetta: su quattro tiri veri verso la porta di De Sanctis sono arrivati tre gol e un altro è stato annullato per dubbio fuorigioco. Il successo è quindi pienamente meritato per il Viktoria che ha saputo reggere bene all’urto del Napoli all’inizio del secondo tempo, trovando poi nel finale gli spazi giusti per trasformare la vittoria in trionfo quasi irreversibile.

Per il Napoli resta il rammarico di qualche occasione sprecata da Cavani, Hamsik e Dzemaili all’inizio della ripresa, ma in generale la squadra azzurra paga gli errori in fase difensiva e la lentezza della manovra sempre ben controllata dal centrocampo ceco.

Già in avvio di gara il Napoli parte in attacco ma senza pungere, scontrandosi con il filtro a centrocampo del mobilissimo Darida e con un Horvat che detta bene le geometrie. Un sussulto in avvio lo provoca Pandev, impegnando Kozacik con un bel tiro.

Dall’altra parte il Plzen addormenta la partita e avanza piano ma costantemente il baricentro della propria azione: fanno male al Napoli, in particolare, i movimenti di Rajtoral che sulla fascia costringe Zuniga a lunghe rincorse. E così il Plzen trova il gol, che arriva al termine di un’azione insistita e non senza colpe della difesa azzurra, che lascia a Darida il tempo di calibrare il tiro e battere De Sanctis. La reazione del Napoli è ben poco confortante: i cechi arretrano il baricentro, chiudendo bene le fasce, dove Maggio viene puntualmente raddoppiato da Limbersky e Kovarik, mentre dall’altra parte Zuniga non punge mentre El Kaddouri appare spaesato.

Il ballo con sculaccioni del Viktoria – VIDEO

Nella ripresa Mazzarri manda dentro Hamsik per Gamberini e passa alla difesa a quattro, allargando El Kaddouri a sinistra. Poi il deludente marocchino lascia il posto a un evanescente Calaiò. Hamsik prova diverse penetrazioni in solitaria, ma non è mai preciso al momento del tiro o dell’ultimo passaggio. Stessa musica per i tentativi di Dzemaili e Cavani. Intanto dietro si aprono ampi spazi che il Plzen non si lascia sfuggire colpendo ancora e ancora con il positivissimo Rajtoral e l’appena entrato Tecl.

Finisce con la lunga e meritata festa dei tifosi cechi per i quali la serata era cominciata in maniera drammatica vista la rapina subita da quattro tifosi e l’accoltellamento di uno di loro. Per il Napoli, dopo Villarreal e Chelsea, anche quest’anno il primo turno europeo a eliminazione diretta si rivela fatale. Ora per non lasciare l’Europa League occorre solo un miracolo.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico