Casal di Principe - San Cipriano - Casapesenna

Tarsu e canoni idrici, il Movimento per il Riscatto in piazza

 CASAL DI PRINCIPE. Il Movimento per il Riscatto, domenica 10 febbraio, a Casal di Principe, in piazza Mercato, terrà una manifestazione per protestare contro le richieste di pagamento dei canoni idirici e della Tarsu.

Preannunziata la presenza delle telecamere della trasmissione Rai “Presa Diretta” che testimonierà la volontà dei partecipanti di astenersi dal voto del 24 e 25 febbraio “in segno di protesta – spiegano – contro l’indifferenza dei politici incapaci di risolvere i gravi problemi che stanno attanagliando la popolazione italiana ed in particolare quella del Sud Italia”.

L’avvocato Martino, a nome del costituendo “Movimento per il Riscatto”, dichiara: “La nostra iniziativa di domenica 10 febbraio è stata organizzata nel rispetto degli impegni assunti con la popolazione in occasione di tutte le battaglie di cui ci siamo fatti promotori e siamo stati protagonisti negli ultimi anni: lotta contro la disoccupazione soprattutto giovanile e la mancanza di lavoro, lotta contro la discriminazione di un intero popolo confuso con un clan camorristico, lotta per l’istituzione della Tariffa Unica Nazionale che prevede che il premio assicurativo sia vincolato solo all’attestato di rischio e non al luogo di residenza, lotta contro i soprusi di banche ed Equitalia culminata con la manifestazione davanti agli uffici di Caserta di Equitalia, lotta contro le demolizioni delle prime case di necessità e contestuale richiesta di demolire solo le case realizzate per uso speculativo, le due manifestazioni e marce di protesta del febbraio 2011 e febbraio 2012 con la partecipazione di migliaia di persone e la chiusura di tutte le attività commerciali, lotta contro l’inquinamento ed il disastro ambientale e la mancata bonifica del territorio con denunzia a tutti gli organi preposti al controllo ed alla tutela del territorio, lotta per eliminare i disservizi locali in particolare contro la mancata raccolta dei rifiuti e carente erogazione dell’acqua potabile”.

“Il Movimento per il Riscatto – continua Martino – ritiene doveroso continua a lottare in difesa delle fasce più deboli della popolazione e ricorda all’intera cittadinanza che in tutte le predette battaglie l’unica parte assente sono stati i partiti ed i movimenti politici che solo oggi, in campagna elettorale, sono usciti allo scoperto per chiedere voti e dividersi i lauti rimborsi elettorali nella speranza che la popolazione abbia dimenticato la loro latitanza quando era necessario far sentire la propria voce di protesta e/o di solidarietà verso chi soffriva e si sentiva abbandonato al proprio destino”.

Durante la manifestazione il Movimento per il Riscatto inviterà la popolazione a sottoscrivere la denuncia “per disastro ambientale” ed a presentare i ricorsi per chiedere l’annullamento degli avvisi di pagamento dei canoni idrici e delle cartelle esattoriali relative alla Tarsu di cui si chiederà anche la riduzione per gli ultimi anni.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico