Casal di Principe - San Cipriano - Casapesenna

‘Casale C’è’: “Delusi dai commissari”

 CASAL DI PRINCIPE. Il giovane movimento politico “Casale c’è” esprime tutto il suo rammarico sull’operato dei vari commissari prefettizi che si sono succeduti nel comune di Casal di Principe in soli dieci mesi.

“Chiamati a ripristinare la legalità nel nostro comune, – affermano dal movimento – dopo l’annullamento delle elezioni da parte del ministro degli Interni, si ritrovano oggi ad essere causa di stagnazione della casa comunale, provocando non pochi disagi e molte ansie ai cittadini casalesi, questi ultimi visti come individui, e non comunità, sui quali far gravare gli errori delle precedenti amministrazioni ma anche degli stessi commissari che si sono avvicendati nel tempo alla guida del nostro comune. Uno su tutti ricordiamo come in questi giorni i nostri concittadini stiano rincorrendo le cosiddette ‘bollette pazze’ dei canoni idrici inviate dalla commissione straordinaria per chiedere il pagamento relativo all’anno 2007, preparate in un lasso di tempo così breve (dato che 31 dicembre 2012 sarebbero cadute in prescrizione) da commettere un’infinità di errori (uno su tutti la composizione degli stati di famiglia), ma soprattutto stabilendo tariffe forfettarie che vadano a coprire il debito in essere da parte del comune nei confronti del consorzio, e non tariffe stabilite sull’effettivo consumo di acqua da parte dei cittadini”.

“D’altra parte – continuano dal movimento – ci ritroviamo in una situazione dove i servizi sono totalmente assenti (vedi la raccolta dei rifiuti), ma soprattutto nell’ambito delle politiche sociali, la cosiddetta “legge 328”, ci ritroviamo in una fase di stallo, con i contributi destinati alle famiglie fermi, erogazione di prestazioni sanitarie bloccate, senza dimenticarci che il comune di Casal di Principe, sotto le diverse amministrazioni, è stato per diversi anni comune capofila nell’ambito sociale, conseguendo buoni risultati, invece oggi grazie alla completa inattività e non curanza di questi ‘paladini della legalità’ il comune di Casal di Principe è stato destituito dalla guida dell’ambito delle politiche sociali, ulteriore mortificazione, questa, per il comune di Casal di Principe”.

“In tutto ciò – concludono – ci chiediamo con molta franchezza ma con speranze tutt’altre che positive, dove saranno in grado di portarci questi ‘traghettatori’ da qui all’indizione di nuove elezioni (forse nel 2014!)? E’ forse non era meglio che il riscatto della comunità casalese fosse avvenuta sotto la guida di un’amministrazione scelta dallo stesso popolo dato che questi signori stanno solo usurpando i diritti dei cittadini considerandoli tutti degli ignoranti malfattori?”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico