Aversa

Della Valle: “Rafforzare il Nucleo Ecologico”

 AVERSA. Ho apprezzato moltissimo l’intervento con il quale il sindaco ha voluto pubblicamente dare merito all’ex assessore Luciano e all’assessore in carica Pizzi per il lavoro svolto fino ora.

I buoni risultati ottenuti in tema di igiene urbana ad Aversa sono sotto gli occhi di tutti e non certo solo per le quote della raccolta differenziata raggiunte. Questo è evidentemente il frutto di un grande lavoro svolto da chi ha retto l’Assessorato per il passato, di chi ci lavora attualmente, dell’attuale sindaco e del suo predecessore. Senza dubbio, la scelta vincente, però, fu quella fatta in passato quando presentammo la delibera in Consiglio con la quale esternalizzammo il servizio di Igiene Urbana, portando di fatto Aversa fuori dal Consorzio Unico.

Il raggiungimento della quota del 50%, che era stabilito dalla Legge per l’anno 2012, è oggi una realtà grazie anche a quelle scelte ma questo non ci può e non ci deve fermare, come giustamente ha sottolineato il sindaco. Tanto è stato fatto ma tantissimo resta da fare.

Facendo parte della Commissione Ambiente conosco molto bene il lavoro e le idee che l’Assessorato vorrebbe mettere in campo per l’immediato futuro e so che tali proposte sono da tempo in fase di valutazione da parte del sindaco.

Sono convinto che la quota fissata al 65% per l’anno 2013 potrebbe essere raggiunta con le azioni già individuate e rese note dall’Assessorato come la rimodulazione dei calendari della raccolta settimanali (costo zero), l’avvio di una raccolta premiale (costo zero) e campagne mirate di informazione a scuole e Parrocchie.

Il problema però è la vigilanza.Per cambiare i due calendari di raccolta, guidare le grandi utenze sui binari di una corretta differenziazione, controllare gli enormi condomini della città, indirizzare i molti cittadini che non si sono uniformati ancora alle nuove regole e per verificare puntualmente tutto l’operatore della Senesi ci vuole un impegno ancora maggiore della polizia municipale.

Il Nucleo Ecologico, istituito nel 2009, è composto sempre da quattro agenti, coordinati da un tenente, che hanno a disposizione una sola autovettura. Oggettivamente troppo poco per i compiti assegnati e per gli obbiettivi che ci siamo prefissi. La lotta agli sversamenti abusivi, che creano mini discariche da bonificare, il raggiungimento del 65% di raccolta differenziata e l’aumento della qualità della differenziata potrebbe significare un risparmio di un milione di euro sulla tassa di smaltimento dei rifiuti.

Per questo, credo che sia arrivato il momento di badare al sodo e che il sindaco in qualità di Comandante della polizia municipale detti le priorità al dirigente per rafforzare nettamente il Nucleo Ecologico.

Il consigliere Gino della Valle

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico