Teano - Vairano Patenora - Caianello - Pietravairano - Riardo

S.Maria del Monte torna al suo antico splendore

 MARZANELLO. L’obiettivo iniziale era quello di recuperare nel migliore dei modi l’antica chiesa di S.Maria del Monte in Marzanello per riportarla al suo antico splendore, l’obiettivo finale ha rivelato al popolo di Dio della piccola comunità locale …

… un vero e proprio capolavoro di architettura, arricchito da una cornice artistica di grandissimo pregio riemersa solo grazie alla sapienza ed alla maestria degli artigiani della Md Archeologia di Teano sotto la direzione dell’Architetto Angelo De Sano.

Il recupero della parte pittorica è stato affidato alla ditta Arte Edile di Pietramelara, mentre il recupero dei marmi del vecchio altare, magistralmente reinseriti nel nuovo ambone e nel nuovo altare e la scultura del battistero, sono stati affidati alla Ideal Marmi di Pietramelara. Il lavoro è stato cofinanziato al cinquanta per cento dalla Cei ed al cinquanta per cento dalla comunità parrocchiale che ha raccolto l’appello del parroco Don Luigi De Rosa.

Il giovane sacerdote, da sempre attivo nel recupero e nella valorizzazione dei beni architettonici ecclesiastici, ha saputo trovare le parole giuste per far comprendere ai parrocchiani l’importanza di donare ai posteri un luogo di incontro e di preghiera in cui affondono radici storiche, culto e tradizione come la Chiesa di S. Maria del Monte. Oggi la chiesa parrocchiale è tornata ad essere quello splendore architettonico che, con ogni probabilità, le giovani generazioni e forse nemmeno quelle più attempate, avevano mai potuto ammirare; non è un caso se dai lavori sono riemerse due cappelle laterali, rilievi pittorici e decorazioni esemplari insieme a tanti altri particolari che la comunità parrocchiale ha potuto ammirare da vicino solo dopo la celebrazione inaugurale officiata dal vescovo Mons. Arturo Aiello. Solo in quegli istanti, in un’atmosfera di giubilo senza precedenti, tutti i partecipanti hanno potuto cogliere l’importanza del momento storico che stavano vivendo.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico