Lusciano

Rifiuti, “La Bussola” prepara petizione popolare

 LUSCIANO. L’associazione culturale “La Bussola”, presieduta da Luciano Dell’Aversano Orabona, domenica 20 gennaio, dalle ore 9 alle 13, si orienta in piazza della Vittoria e piazza Chiesa per una petizione popolare.

Dal sodalizio comunicano: “Si è voluto organizzare questa nuova raccolta di firme, dettato da un interesse comune, denunciare il mancato servizio della raccolta differenziata da parte del Consorzio di Bacino Unico che, da anni, è mal funzionante e non riesce a trovare soluzione per l’interesse del bene del territorio locale e non, sovente, lamentato da cittadini e comitati, attraverso comunicati protocollati, denunce e comunicati stampa”.

“Il nostro intento – continuano – è quello di evidenziare, ancora una volta, dopo aver, già provveduto, nel giugno 2012 a una raccolta di firma, abbiamo deciso nuovamente di chiedere ai cittadini di sostenere la nostra iniziativa e di rivolgerci al commissario prefettizio Mauro Passerotti. Ricordiamo che in quella occasione già sottolineammo che, la mancata e corretta raccolta di rifiuti da parte del Consorzio unico di bacino potrebbe avere effetti sulla differenziata e sul mantenimento del livello qualitativo della stessa, con ripercussioni anche sulle percentuali che deve raggiungere un Ente per beneficiare delle opportunità finanziarie per essere considerato Ente virtuoso”.

Quindi, a parte, l’ennesima segnalazione di accumuli di rifiuti lasciati a cielo aperto, potenzialmente dannosi per la salute della collettività, con tale petizione “La Bussola” invita il commissario, in qualità di organo di Stato, in previsione della prossima scadenza del suo mandato, e visto che ha amministrato il Comune per l’anno 2012, “a farsi da garante, affinché, venga contenuto il rapporto di differenziata e non, in modo tale che i cittadini luscianesi, non per causa loro ma per un malfunzionamento e un’inadempienza da parte del Cub, si vedano lievitare, se non raddoppiare, la tassa relativa alla raccolta rifiuti per l’anno prossimo”. “Siamo fiduciosi – concludono dall’associazione – che, tale petizione, sarà presa in considerazione e successivamente, chiederemo un incontro con urgente”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico