Italia

Lecce, assalto a portavalori con kalashnikov e fiamme

 LECCE. Un assalto a un furgone portavalori è stato compiuto mercoledì mattina da un commando di persone che hanno sparato utilizzando kalashnikov, dando alle fiamme camion e vetture per bloccare le strade.

È avvenuto sulla statale 16 che collega Lecce a Maglie. Illese le due guardie giurate che erano a bordo del portavalori. A quanto si è appreso, il commando – composto da 5-6 persone giunte sul posto a bordo di due Bmw – non è riuscito a portare via niente: il furgone portavalori della Sveviapol ha resistito all’assalto mentre le due guardie giurate rimanevano all’interno. L’episodio è avvenuto nei pressi dello svincolo per Galugnano.

È stata la prontezza di riflessi della guardia giurata che era alla guida del portavalori blindato a sventare la rapina, riuscendo a portare il furgone blindato fino alla stazione dei carabinieri di Lizzanello e a mettere così in fuga i banditi. A quanto si è saputo, infatti, il vigilante che era alla guida del blindato quando ha visto il fumo denso che avvolgeva la carreggiata e un’auto – una delle due Bmw utilizzate dai banditi – che affiancava il mezzo, incurante dei colpi di kalashnikov che i malfattori avevano cominciato a sparare contro il furgone, ha fatto una improvvisa inversione di marcia, immettendosi in uno svincolo per San Donato.

Ha quindi percorso contromano e a velocità sostenuta la strada, fino a raggiungere la stazione dei carabinieri di Lizzanello che nel frattempo erano stati allertati via radio. I componenti del commando hanno desistito e non hanno inseguito il furgone portavalori. Il furgone blindato – è stato confermato dagli investigatori – trasportava denaro (non ancora quantificato) che doveva essere distribuito tra banche e uffici postali della zona.

All’arrivo del furgone portavalori i componenti del commando, che avevano posizionato due camion mettendoli di traverso e in fiamme, uno per ogni senso di marcia, hanno cominciato a sparare contro il mezzo blindato. Ma il furgone raggiunto da una pioggia di proiettili, ha resistito mentre le due guardie giurate, all’interno, – a quanto sembra – sono rimaste al loro posto, senza scendere.

Il commando ha quindi deciso di abbandonare il luogo dell’assalto e ha dato alle fiamme, abbandonandola, una delle due Bmw a bordo della guale i componenti della banda erano giunti. I banditi si sono quindi allontanati utilizzando l’altra Bmw e dirigendosi verso Martignano dove poi, nei pressi di un casolare, è stata trovata la seconda vettura, data alle fiamme. Nessuna traccia – al momento – dei banditi che si sono dileguati nelle campagne circostanti. Sul posto sono intervenuti i carabinieri del Nucleo investigativo della Scientifica, polizia e vigili del fuoco.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico