Italia

Dylan Dog diffida Ingroia. Lui richiama i suoi

 ROMA. La casa editrice Bonelli diffida dall’usare i suoi personaggi, nel caso specifico Dylan Dog, a sostegno della lista dell’ex magistrato Antonio Ingroia.

La puntualizzazione è arrivata a seguito della diffusione di alcuni manifesti del partito di Ingroia in cui è raffigurato il celebre Dylan Dog con una vignetta: “Anche io voto Rivoluzione Civile. Insieme vinciamo”. Peccato che l’editore del famoso fumetto non l’abbia presa benissimo.

“Sergio Bonelli Editore S.p.A., proprietaria del nome e dei diritti di utilizzazione del personaggio Dylan Dog, dichiaradi non essere in alcun modo affiliatao di sostenere, con l’immagine di Dylan Dog o di qualunque altro personaggio della Casa editrice, alcuna formazione politica, e diffida dall’utilizzo illecito del nome e dell’immagine delle sue proprietà intellettuali”, si legge sul sito della Bonelli.

Immediata su Twitter la replica dell’ex pm di Palermo che ha scritto: “Ragazzi, facciamo la Rivoluzione Civile ma facciamola anche legale! Il copyright va rispettato!”.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Mondragone, contrabbando di sigarette: revocati domiciliari a Caprio - https://t.co/HX26ZYBMGh

Condono, Salvini: “Verità agli atti, per scemo non passo”. Lo spread tocca i 340 punti https://t.co/hucibtPCtD

Casapesenna, processo Zara. Nicola Schiavone: "Fortunato Zagaria testa di legno del boss" - https://t.co/zCIAJK9ep3

Parma, sequestrato cantiere centro commerciale vicino aeroporto: 3 indagati in Comune - https://t.co/QEz7kiJNFV

Condividi con un amico