Italia

Claps, Restivo verrà estradato per il processo. Gildo: “Tattica&quot

 SALERNO. “Non ci aspettavamo la presenza di Restivo e la riteniamo una tattica dilatoria della difesa”.

Così Gildo Claps, fratello di Elisa, , la giovane trovata morta nel sottotetto della chiesa di Potenza, prima di entrare nell’aula del tribunale di Salerno dove sta per iniziare il processo di Appello commenta la decisione dell’unico indagato, Danilo Restivo, di tornare a Salerno per il processo.

Restivo, infatti, è detenuto nel carcere inglese con l’accusa di aver ucciso un’altra donna. Restivo, oggi 40enne, è stato già condannato a 30 anni di carcere per l’omicidio di Elisa in primo grado.

“In 20 anni non ha mai voluto parlare e non credo che abbia verità da raccontare”, ha detto Gildo. “A giusta ragione il mio cliente si proclama innocente. Agli atti non c’è la prova della sua responsabilità ed è la convinzione della difesa. Questo è un processo indiziario”.

Così Alfredo Bargi, legale di Danilo Restivo. Il potentino, dunque, arriverà a Salerno appena i giudici inglesi accetteranno la sua richiesta di consegna temporanea, visto che in Gran Bretagna.

È stato lo stesso Restivo, tramite il suo legale AlfredoBargi, a richiedere di partecipare al processo. Due le modalità attraverso le quali poteva farlo: la videoconferenza (in collegamento audio e video dal carcere inglese in cui è recluso) e la sua presenza in aula, durante il dibattimento.

La videoconferenza pochi giorni fa è stata annullata e questo, a detta dell’avvocato Bargi, significa che i giudici inglesi hanno quasi sicuramente accordato la consegna temporanea.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico