Italia

Chiesti 7 anni a Dell’Utri: “Rapporti lunghi e proficui con Cosa Nostra”

Marcello Dell'utriPALERMO. Il pg Luigi Patronaggio, chiede 7 anni di reclusione per Marcello Dell’Utri: il senatore intratteneva relazioni con i fratelli Filippo e Giuseppe Graviano.

Il procuratore ha inserito le sue considerazioni nella requisitoria proseguita venerdì mattina alla Corte di appello di Palermo, dichiarando che quelli del senatore “sono contatti di una gravità inaudita perché si tratta dei capimafia di Brancaccio, responsabili delle stragi più gravi che hanno segnato il nostro Paese”.

Il Procuratore si era soffermato, in precedenza, sugli aspetti “politici” della vicenda processuale, anche se la Cassazione, per il periodo successivo al ’92, ha assolto l’imputato per questa parte della decisione è definitiva. “Dell’Utri continuò a frequentare Vittorio Mangano sapendo il suo peso mafioso – ha detto ancora il pg – Finiamola con questa aurea da semplice ‘stalliere’ di Arcore. Dell’Utrisapeva perfettamente che Mangano era un soggetto fortemente mafiosoe che ha fatto da basista per il sequestro Tangeri. Il boss mafioso Totò Riina, tramite Silvio Berlusconi, voleva agganciare Bettino Craxi – ha proseguito -. E, caduto Craxi,Cosa nostra pose le sue attenzioni su Forza Italia. Non è certo Cosa nostra -ha sottolineato il magistrato- che fece vincere le elezioni del’94 a Forza Italia, ma è certo che la mafia votò questo partito. Per quel che riguarda il periodo precedente, non c’è soluzione di continuità tra il patto scellerato del ’74 fra Dell’Utri e l’organizzazione, e il patto rinnovato con Riina nell’86”.

econdo l’accusa, “Cosa nostra ha stipulato un patto di protezione con Dell’Utri in favore di Berlusconi, ma l’associazione mafiosa non è certo un’agenzia di assicurazioni e vuole il proprio tornaconto”. “Alla morte di Stefano Bontade il patto passa ai fratelli Pullarà che assumono la reggenza della famiglia mafiosa di Santa Maria di Gesù – ha detto il pg – ma Cosa nostra, ancorché abbia stipulato un patto di mediazione con Dell’Utri di protezione per Berlusconi, non è un’agenzia di assicurazione. E’ un rapporto complesso. E quando Totò Riina raddoppierà la richiesta estorsiva nei confronti di Silvio Berlusconi, non si annullò il patto precedente di garanzia con Dell’Utri. E’ Dell’Utri che è scontento su come si comportano i Pullarà e quindi cerca altri interlocutori. Tant’è che il nuovo patto fatto con Riina ha un oggetto più importante di quello precedente, oltre all’aumento della tangente, ha come oggetto lo scambio politico-mafioso” ha continuato ancora il pg nella requisitoria.

Patronaggio insiste affermando poi che il senatore Dell’Utri avrebbe creato il contatto necessario tra Berlusconi e Cosa nostra sottolineando che “ha dato un contributo consapevole all’associazione e ha dato un concreto e specifico contributo a Cosa nostra: “Ha costretto un imprenditore come Berlusconi a pagare somme ingenti a Cosa nostra, la condotta dell’imputato integra il concorso pur non essendo inserito stabilmente in Cosa nostra”, ha detto il pg di Palermo Luigi Patronaggio concludendo la sua requisitoria. Dell’Utri, commentando la richiesta a sette anni, ha dichiarato all’Adnkronos: “Mi sembra una richiesta più di prammatica o d’ufficio che fa seguito a una requisitoria stantia appoggiata allevecchie teorie costruite dalla precedente accusa ‘ingroiana’. E’ incredibile poi che si continui a parlare della nascita di Forza Italia in termini tendenziosi quando è straprovata l’estraneità di elemento inquinanti, esclusi anche da una sentenza di Cassazione”. In primo gradoDell’Utri, assente anche oggi al processo, era stato condannato a nove anni di carcere, ridotti a sette anni in appello, ma la Cassazione un anno fa ha annullato la condanna rinviando a nuovo processo.

Anche i difensori di parte civile, l’avvocato Salvatore Modica per il comune di Palermo e l’avvocato Filippo Villanova per la Provincia, si sono associati alla richiesta di pena del pg per il senatore Marcello Dell’Utri, chiedendo anche loro la pena a sette anni.L’udienza è stata rinviata al 4 febbraioper l’avvio delle arringhe difensive. Comincerà l’avvocato Giuseppe Di Peri, uno dei legali di Dell’Utri. Nel corso della requisitoria fiume il pg Luigi Patronaggio ha ricordato un’intercettazione telefonica tra il fratello gemello dell’imputato, Alberto Dell’Utri e Gaetano Cinà, il presunto soldato della famiglia mafiosa di Malaspina a Palermo.

Secondo il rappresentante del’accusauna cassata inviata nel Natale del 1986 a Silvio Berlusconi con la scritta ‘Canale 5’, proverebbe i rapporti tra Cosa nostra e dell’Utri, che avrebbe fatto da mediatore. L’intercettazione è del 25 dicembre 1986 e, secondo l’accusa, proverebbe che tra gli uomini d’onore palermitani c’era chi si preoccupava di dimostrare a Berlusconi il proprio affetto e la propria stima regalandogli per Natale una cassata sicilianada 11 chili e 800 grammi.“Da quando faccio il magistrato non ho mai incontrato un imputato chiamato a rispondere diun rapporto trentennale con Cosa nostra- ha affermato il pg -. La storia di Marcello Dell’Utri non si può leggere se non si leggono i suoi rapporti più che trentennali con la mafia”.

Da come si comprende dalla requisitoria, il rapporto del senatore con Costa nostra è stato “costante e proficuo l’imputato non ha mai preso le distanze da questi rapporti”.Secondo la Cassazione, che ha annullato la condanna sette anni in appello, sono provati i rapporti di Dell’Utri con Cosa nostra dal 1974 fino al 1979, invece secondo il pg Patronaggio i rapporti tra l’imputato e i boss non si sarebbero mai interrotti. Il pg di Palermo ha poi affermato che il senatore nel 1994 “ha caldeggiato il provino del calciatore Gaetano D’Agostinonelle giovanili del Milan perché intervennero i boss mafiosi Giuseppe e Filippo Graviano”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico