Esteri

Tel Aviv: esplosione davanti alla sede del ministero Difesa

 TEL AVIV. Sono almeno dieci le persone ferite nel grave attentato avvenuto giovedì mattina davanti alla sede del ministero della Difesa a Tel Aviv.

Tra questi nessuno sarebbe in gravi condizioni. Sembra si sia trattato di un ordigno collocato sotto un’automobile e la polizia propende al momento per la pista di un atto di criminalità comune non collegato con matrici terroristiche palestinesi.

La polizia d’Israele è da anni impegnata in una massiccia lotta al crimine organizzato presente nel Paese, tanto da aver istituito una speciale task force, l’unità 443, dedicata a debellare le attività mafiose attive sul territorio. “Dai primi rilievi, sembra si tratti di un regolamento di conti”, ha detto Micky Rosenfeld, portavoce della polizia israeliana.

Secondo gli investigatori l’attacco è un attentato alla vita di Nissim Alperon, fratello di Yaakov, il noto boss israeliano morto nel 2008 ed ex leader della criminalità organizzata nello stato ebraico.

Nissim Alperon è già sfuggito in passato ad almeno sette tentativi di omicidio, tra cui il più recente registrato a giugno nel quartiere Ramat Gan, sempre a Tel Aviv.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico