Campania

Usura con interessi del 120%: due arresti nel Casertano

 CASERTA. A conclusione delle indagini dirette e coordinate dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, i carabinieri della compagnia di Caserta hanno eseguito in data odierna due ordinanze di custodia cautelare in carcere …

… nei confronti di: Antonio Di Lillo, 62 anni, di Casagiove, e Raffaele Di Lillo, 35 anni, di Caserta. I reati contestati agli indagati riguardano concorso in usura aggravata. L’operazione giunge a conclusione di articolate indagini all’esito delle quali risultano acquisiti, a carico dei due indagati, gravi indizi di colpevolezza in relazione al delitto di usura aggravata in concorso.

L’indagine trae origine dalla denuncia sporta dal titolare e gestore di un’azienda zootecnica di allevamento bufalino di Grazzanise, il quale rappresentava di essere sottoposto ad usura dalla fine del 2007 ad opera degli indagati, identificati rispettivamente in padre e figlio. Il denunciante riferiva che verso la fine del 2007 trovandosi in difficoltà economiche, connesse all’attività della propria azienda bufalina, si era ricolto al fratello che a sua volta lo aveva messo in contatto con Antonio Di Lillo, il quale sin dal primo incontro si era mostrato disponibile ad elargire dei prestiti in danaro, ovvero a monetizzare assegni pos-datati.Nel 2008, poi, l’imprenditore faceva nuovamente ricorso ad un prestito proveniente dal Antonio Di Lillo, anche questa volta per far fronte alle spese di gestione dell’azienda.

Da tale epoca avevano avuto inizio una serie di prestiti che si sovrapponevano tra di loro sia pure con regolamentazioni autonome nel periodo che va dal 2009 al 2010. In questa seconda fase faceva la sua parte anche il figlio di Antonio Di Lillo, Raffaele. Quest’ultimo fungeva da beneficiario degli assegni comprensivi degli interessi rilasciati dal titolare dell’impresa a garanzia della restituzione degli importi ricevuti.

La conseguente attività investigativa si è articolata alla ricerca di riscontri alle iniziali dichiarazioni della vittima basandosi sull’escussione di persone informate sui fatti, nella verifica della capacità patrimoniale del soggetto denunciato e dei suoi familiari, nella ricerca di elementi di prova documentale a riscontro dei pagamenti e nell’elaborazione tecnica dei tassi di interesse praticati in ordine ai singoli prestiti, commisurati al tasso del 10% mensile.

Le investigazioni hanno permesso di accertare una corresponsione da parte della vittima dei soli interessi riferiti al periodo 2008 – 2010 di 39mila euro circa, con un tasso annuo del 120%, risultando quest’ultimo d gran lunga superiore al cosiddetto tasso soglia determinato per operazioni similari e periodo riferimento dalla Banca d’Italia.

Inoltre, è emerso come Antonio Di Lillo abbia prodotto una denuncia presso l’Ufficio di conciliazione provinciale dichiarando falsamente di aver prestato attività lavorativa nell’azienda, al fine di premunirsi da una eventuale denuncia penale da parte della vittima, ma Di Lillo, legale rappresentante di una attività immobiliare, non poteva in alcun modo avere interferenze commerciali con la gestione di un’azienda bufalina.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico