Somma Vesuviana

Polizze assicurative contraffatte: 17 arresti nel Casertano

 CASERTA. I carabinieri di Sessa Aurunca (Caserta) hanno scoperto una associazione criminale dedita alla commercializzazione su vasta scala di false polizze assicurative rc auto.

Le persone destinatarie di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere sono 17, mentre gli indagati sono complessivamente 45. Sequestrati oltre 2 mila contrassegni contraffatti, anche di compagnie estere, venduti attraverso un call-center.

Questo era collegato a un numero verde utilizzato per la stipula dei contratti on-line. Tra gli arrestati, per associazione a delinquere finalizzata alla truffa, figurano anche persone ritenute vicine al clan “Mariniello” di Acerra e al clan dei “Casalesi”.

Secondo le indagini, la stamperia dove si riproducevano i tagliandi falsi era stata allestita nell’abitazione di uno degli arrestati, a Villa Literno. Il call-center era stato invece organizzato a Castel Volturno, in casa di una donna, anche lei tra gli arrestati.

La vendita dei tagliandi avveniva anche attraverso agenti e agenzie assicurative compiacenti. L’operazione “Cinque giorni” prende il nome dall’ingente numero di polizze a breve termine, di cinque giorni, stipulate dall’organizzazione criminale e sequestrate dai militari dell’Arma.

VIDEO

In carcere sono finiti: Vincenzo Bruno, 43 anni, di Caserta; Alfonso Martone, 52 anni, di Caserta; Ottavio Tarallo, 52 anni, di Caserta; Giuseppe Rinaldi, 46 anni, di Acerra (Napoli); Vincenzo Mariniello, 40 anni, di Acerra; Dionigi Catena, 23 anni, di Villa Literno (Caserta); Stefano Franzoso, 57 anni, di Orta di Atella (Caserta); Giuseppe Napolano, 50 anni, di Giugliano (Napoli). Ai domiciliari: Diletta Iuliano, 50 anni, di Castel Volturno (Caserta); Nicola Di Tella, 42 anni, di Casaluce (Caserta); Eugenio Golino, 27 anni, di Caserta; Francesco Catalano, 41 anni, di Trentola Ducenta (Caserta); Gaetano Del Prete, 32 anni, di Giugliano; Luigi Sportiello, 47 anni, di Giugliano; Nicola Ullo, 8 anni, di Angri (Salerno); Maurizio D’Avino, 38 anni, di Somma Vesuviana (Napoli); Jessica Cesarano, 22 anni, di Napoli.

Le indagini, condotte dalla Compagnia dei Carabinieri di Sessa Aurunca, su delega e coordinate dalla speciale Sezione reati economici, societari e finanziari di questa Procura della Repubblica, hanno consentito di far luce su di un articolato e ben organizzato sodalizio criminale, con centro decisionale ed operativo nella città di Caserta ed attivo, oltre che nella intera provincia di Terra di lavoro, nella provincia di Napoli ed in alcune zone delle limitrofe regioni Lazio e Puglia, dedito alla contraffazione e commercializzazione su larga scala di polizze assicurative per responsabilità civile automobilistica di tipo temporanea, cosiddette “cinque giorni”, riferibili a primarie compagnie del settore.

Attraverso una mirata attività di intercettazione di conversazioni telefoniche – i cui esiti, adeguatamente riscontrati con operazioni sul territorio, si sono rivelati decisivi per la ricostruzione dei fatti – si è accertato il peculiare modus operandi della organizzazione, esattamente ricalcato su di una lecita attività di brokeraggio assicurativo e capace di creare, nella gestione delle attività criminose, una situazione di perfetta apparente legalità, tale da indurre in inganno sia gli operatori del settore, che nel corso del tempo sono entrati in contatto con essa instaurando rapporti di collaborazione commerciale, sia di sovente le stesse forze di polizia chiamate ad operare controlli sulla genuinità delle polizze.

Si è accertato, in particolare, che successivamente alla materiale contraffazione delle polizze, operata direttamente dalla organizzazione, essa ne curava la immissione sul mercato attraverso propri membri che si presentavano agli operatori economici, principalmente titolari di auto rivendite interessati alla commercializzazione al minuto delle stesse, quali agenti di una società di brokeraggio di primario livello nazionale, Broker Italia, in realtà inesistente, proponendo la instaurazione di una collaborazione commerciale.

Acquisita la disponibilità dei rivenditori, ai quali veniva fatto sottoscrivere un vero e proprio contratto di subagenzia con Broker Italia, agli stessi venivano ceduti i modelli cartacei delle polizze in bianco contraffate, da compilarsi poi, all’atto della stipula del contratto con il cliente finale, meccanicamente mediante collegamento telematico a siti internet, apparentemente riferibili alla compagnia assicurativa formale titolare della polizza, ma in realtà creati e gestiti, con l’ausilio di tecnici specializzati, dalla stessa organizzazione.

Sulle polizze emesse veniva infine riportato un numero verde, collegato ad un call center attraverso il quale un componente della organizzazione, presentandosi quale “Valeria di Broker Italia”, forniva ampie rassicurazioni a quanti, privati cittadini assicurati o appartenenti a forze dell’ordine impegnati in controlli sul territorio, nutrissero dubbi sulla genuinità delle polizze o chiedessero semplicemente spiegazioni sulla operatività della copertura assicurativa.

Si stima, con approssimazione per difetto, che nel solo arco temporale monitorato, di poco superiore ai quattro mesi, con le modalità prima descritte la associazione abbia immesso sul mercato oltre 20.000 polizze contraffatte, riferibili principalmente alle compagnie Direct Line, Ina Assitalia, Generali Assicurazioni, Sara Assicurazioni, Milano Assicurazioni, Fondiaria Sai, Unipol ed Ugf, conseguendo profitti, nel solo periodo considerato, superiori a 800.000 euro. Significativa del volume di affari concretamente realizzato dalla associazione e della redditività delle attività è, oltre il dato numerico di cui sopra, la circostanza che nel periodo di indagine i vertici della associazione siano stati destinatari vere e proprie richieste estorsive da parte di altro gruppo criminale, legato alla criminalità organizzata dell’agro aversano, formalizzate dapprima attraverso la richiesta di versamento di una somma periodica pari a 5.000 euro mensili e poi attraverso la richiesta di cessione del Know how del meccanismo truffaldino.

Nel corso delle indagini, all’esito delle attività di riscontro alle conversazioni telefoniche captate, sono state rinvenuti e sottoposti a sequestro oltre 3.500 polizze contraffatte e,all’interno dei locali utilizzati dalla associazione come stamperia, materiali e macchinarinecessari alla stampa delle polizze contraffatte.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico