Aversa

Vito di Iasi, un milione di euro per riqualificazione

 AVERSA. La riqualificazione di via Vito di Iasi, arteria d’ingresso della città per chi arriva da sud, costerà un milione e mezzo di euro.

L’appalto dovrebbe essere affidato entro questo mese. Secondo progetto verranno rifatti il piano stradale, i marciapiedi, l’illuminazione e l’arredo urbano partendo dall’incrocio con viale Olimpico fino a Porta Napoli. Proponendo un nuovo aspetto per l’arteria principale della città che migliorerà anche in fatto di sicurezza grazie ad una modifica delle aree di sosta che, realizzate oggi sul piano stradale con il semplice tracciamento di strisce blu, dovrebbero essere portate all’interno, cosicché le autovetture non debbano più creare ostacolo al transito veicolare restringendo il piano stradale, favorendo gli ingorghi nelle ore di punta. Ma non basta perché l’amministrazione ha previsto anche il rifacimento di via Roma.

“Lo realizzeremo utilizzando i fondi Più Europa. Nei prossimi giorni – afferma Elia Barbato, assessore ai lavori pubblici nel dare notizia dell’imminente avvio dell’intervento su via Di Iasi – firmeremo un’apposita convenzione con i progettisti per realizzare il rifacimento della arteria partendo da Porta Napoli e fino al parco Pozzi, Anche qui saranno rifatti il piano stradale, i marciapiedi, l’illuminazione e l’arredo urbano”.

“Questo – aggiunge – nell’ottica di ampliare la zona a traffico limitato”. Sempre in tema di riqualificazione delle arterie cittadine l’assessore ricorda che è stata già bandita la gara relativa al rifacimento di Viale Olimpico, nel tratto compreso tra l’incrocio con via Roma e quello con via Pastore. Anche per questo intervento è previsto il rifacimento del piano stradale, dei marciapiedi, dell’illuminazione dell’arredo urbano. Costerà un milione e cento mila euro. “Per l’avvio – conclude l’assessore – si aspetta solo l’apertura delle buste essendo la gara già in fase di espletamento presso la stazione unica appaltante che dovrebbe provvedere ad affidarla entro febbraio”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico