Trentola Ducenta

Risarcimenti danni: Griffo incontra i giudici di pace

 TRENTOLA DUCENTA. Il sindaco di Trentola Ducenta, Michele Griffo, ha incontrato il coordinatore degli Uffici del Giudice di Pace di Trentola Ducenta, Antimo Femiani, …

… ed ha formalmente richiesto un incontro con tutti i Giudici che operano negli Uffici di Trentola Ducenta per sensibilizzarli sulla problematica delle richieste di risarcimento danni, un fenomeno che talvolta assume dei contorni oscuri e che in alcuni casi da adito a dubbi ed perplessità sulla legittimità della richiesta, viste le circostanze descritte come causa del sinistro, considerata la mancanza di congruità tra causa ed effetto del sinistro e tenuto conto di altri particolari come la ricorrenza dei testi in diverse cause, la vetustà dell’accaduto, o altre particolarità quali la richiesta risarcitoria di uno stesso soggetto talvolta nelle vesti di conducente altre nelle vesti di proprietario delle vetture coinvolte in incidenti.

Nelle intenzioni del sindaco la volontà di scardinare, unendo le forze, quello che potrebbe essere un sistema per far soldi a danno delle pubbliche amministrazioni. Griffo, dunque, dopo aver sensibilizzato i sindaci del comprensorio al fine di costituire una banca dati delle vetture, delle persone e dei testi che compaiono nelle richieste di risarcimento danni, ha deciso di tenere al corrente i Giudici di Pace e le Forze dell’Ordine relativamente a quelle richieste risarcitorie che presentano anomalie, incongruenze ovvero hanno un evidente carattere frodatorio.

“Per intensificare l’azione di contrasto e di smascheramento delle eventuali richieste fasulle – afferma Griffo – abbiamo inasprito i controlli e sensibilizzato forze dell’ordine e gli Uffici del Giudice di Pace, cui abbiamo trasmesso e trasmetteremo gli atti e le richieste che presentano dubbi e punti controversi affinché ne sia verificata e valutata la veridicità. Non sono isolati, infatti, i casi di richieste di danni avvenuti lungo arterie cittadine che non presentano buche o altre insidie, come pure si è verificato il caso di richieste di risarcimento danni causati sempre dallo stesso cane o che si verificano sempre nella stessa strada ovvero che causano sempre gli stesi danni ad auto analoghe e, guarda caso si tratta di richieste che quasi sempre sono presentate dallo stesso avvocato. Continueremo, come già avvenuto, ad invitare richiedenti il risarcimento a far verificare da tecnici di nostra fiducia il danno subito e ad inviare contestualmente tutti gli atti alle Forze dell’Ordine ed all’Autorità giudiziari”.

“Già ho provveduto in diversi casi – aggiunge Griffo – a trasmettere alle Forze dell’Ordine ed alla Procura della Repubblica tutte quelle richieste che presentano aspetti oscuri o anomali. Nell’incontro richiesto inviterò i Giudici di Pace, che esaminano quotidianamente richieste di risarcimento danni, a fare altrettanto segnalando e trasmettendo a chi di dovere gli incartamenti che presentano lati oscuri e potrebbero avere risvolti penali, il tutto per cercare di porre fine ad uno stillicidio che sta mettendo a dura prova le casse comunali”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico