Marcianise - Capodrise - Portico - Recale - Macerata Campania

Roghi tossici, fiaccolata del Comitato Fuochi

 MARCIANISE. Il “Comitato fuochi” di Marcianise organizza, per sabato 8 dicembre, una fiaccolata a ricordo di tutte le “vittime della terra dei veleni” e per sensibilizzare tutta la società civile alla problematica dei roghi tossici che colpiscono, da tempo e in più parti, la nostra regione ed, in particolare, le province di Caserta e Napoli.

La fiaccolata partirà dal Convento dei Francescani in piazza Onofrio Buccini (San Pasquale) dopo la messa delle ore 18, e proseguirà lungo via Roma, Piazza Umberto I, via Santoro, via Grillo, via San Simeone, via Novelli, via Duomo, via Lucarelli, fino ad arrivare nuovamente in Piazza Umberto I. Non è solo un atto simbolico quello proposto dal Comitato ma la forte necessità di portare all’attenzione delle persone e delle istituzioni una situazione ambientale disastrosa e pericolosa, ogni giorno di più, per la salute pubblica.

La manifestazione si inserisce nell’ambito delle iniziative dello stesso Comitato Fuochi, nato spontaneamente alla fine di agosto di quest’anno, a seguito della impressionante successione di roghi tossici che hanno asserragliato la città di Marcianise e i dintorni, e del Coordinamento Comitati Fuochi di Napoli, Provincia di Napoli e Provincia di Caserta, di cui il Comitato Fuochi di Marcianise fa parte. Fra le ultime, la maxidenuncia-querela contro le istituzioni campane, ritenute responsabili del disastro ambientale che loro stesse hanno favorito, sottoscritta da quasi 35mila cittadini della terra dei veleni e consegnata il 25 ottobre alla Procura della Repubblica di Napoli.

Da più di trent‘anni, ormai, milioni di tonnellate di rifiuti tossici continuano ad essere sversati nelle nostre campagne, nei pozzi di irrigazione, nelle cave, in discariche abusive provocando morte e danni all’ambiente. Il Comitato fuochi non si ferma nella sua lotta per il risveglio delle coscienze contro i roghi tossici che s’inquadrano nella tremenda filiera organizzata da chi guadagna smaltendo illegalmente i rifiuti non urbani, avvelenando suolo, acqua ed aria.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico