Italia

Dl Sviluppo passa al Senato senza voto del Pdl

 ROMA. Defezioni del centrodestra nell’aula di Palazzo Madama dove gli esponenti del Pdl si sono astenuti sul voto di fiducia al maxiemendamento al dl sviluppo sul quale il Governo ha posto la questione di fiducia in Senato.

Il tutto era iniziato giovedì mattina dopo le dichiarazioni fortemente critiche nei confronti di un’eventualenuova discesa in campo di Silvio Berlusconi rilasciate dal ministro dello Sviluppo, Corrado Passera. Da lì l’ondata di proteste del Pdl culminata in una duradichiarazione di Maurizio Gasparri.

A ulteriore dimostrazione che a scatenarel’ira del Pdl sono state le dichiarazioni del ministro delloSviluppo il cartello esposto in Aula dal senatore del PdlDomenico Gramazio durante le votazioni con la scritta “Fatevotare Passera”. “Il Pdl – ha infattipreannunciato il capogruppo azzurro al Senato – nonparteciperà al voto pur garantendo il numero legale”.

Maurizio Gasparri e Gaetano Quagliariellosi sono astenuti nel voto di fiducia sul decreto crescita. Inaula al Senato il presidente e il vicepresidente vicario deisenatori del Pdl hanno espresso un voto di astensione, che aPalazzo Madama è considerato come voto contrario. “Sulla base di una valutazione politica generale che va al di là del merito del provvedimento riguardante i costi della politica negli enti locali, abbiamo deciso di astenerci oggi pomeriggio sul voto di fiducia per marcare la nostra posizione fortemente critica sulla sua politica economica”.

Lo annuncia il capogruppo del Pdl alla Camera, Fabrizio Cicchitto, prima del voto di fiducia sul Dl sulle spese di Regioni ed enti locali in programma nell’Aula di Montecitorio. Intanto, sull’altro fronte, il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani,ha incontrato i capigruppo di Camera e Senato, Dario Franceschini e Anna Finocchiaro nella sede del partito per discutere della tenuta del governo dopo la decisione del Pdl di astenersi sulla fiducia al Senato.

“Se il Pdl insiste in un atteggiamento irresponsabile, descritto come un passaggio politico sul governo Monti, noi pensiamo che Napolitano con la sua saggezza troverà il modo per condurre la vicenda in modo ordinato”, ha detto Pierluigi Bersani ribadendo che il Pd voterà alla Camera la fiducia al governo.

La situazioneè grave, oggi il Pd voterà la fiducia alla Camera ma “nessuno può pensare che abbiamo paura delle elezioni”, ha detto Bersani dopo aver analizzato la situazione politica con i capigruppo Franceschini e Finocchiaro.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico