Gricignano / Sport

Categorie

Gricignano a valanga: cinquina alla Maddalonese

(Visualizzato 15636 volte)


 Nella foto: da sin. il tecnico Esposito e il presidente CarnevaleGRICIGNANO. Non poteva sperare in un inizio migliore di stagione Massimo Carnevale, il presidente dell’Asd Gricignano Calcio.

La partita andata in scena allo stadio comunale di Gricignano tra Gricignano Calcio e Virtus Maddalonese, valida per la seconda giornata del campionato provinciale di terza categoria (girone A), è stata una vera e propria dimostrazione di forza da parte dei padroni di casa. Dopo la larga vittoria ottenuta col Pastorano fuori dalle mura amiche (0-4), arriva anche il primo successo casalingo per gli uomini di Francesco Esposito, che hanno rifilato ben 5 reti alla giovane, e sventurata, Virtus Maddalonese, allenata da Giovanni Scalera.

FORMAZIONI. L’allenatore del Gricignano recupera in extremis Maurizio Esposito che, seppur non in ottime condizioni fisiche, si siede in panchina. Stessa sorte per Antonio De Rosa, che, però, adesso, deve fare i conti con un forte dolore alla parte bassa della schiena. C’è una grande sorpresa nell’11 iniziale di Francesco Esposito: tra i pali non c’è Antonio Tirozzi, rimpiazzato da Paolo Silvestri. Nel 4-4-2 titolare la sicurezza difensiva è ancora garantita dalla coppia centrale Dello Margio-Belladonna, aiutata, sulle fasce, dalla dinamicità di Migliaccio e Natale; regista indiscusso del centrocampo è Luciano Mariniello, che può contare sul carattere e la determinazione di Alessandro Cusano, mentre Biondi e De Cicco sono le classiche “ali”, a supporto di Di Domenico e De Luise, quest’ultimo per l’occasione sostituisce l’indisponibile Scutellaro. In panchina ci sono anche Capoluongo, Turco, ed Andreozzi.

Giovanni Scalera ha a disposizione un gruppo di giovani che hanno già scritto pagine calcistiche importanti a livello giovanile, visto che sfiorarono il trionfo nella categoria Juniores del 2010 proprio con la maglia della Maddalonese: si tratta di Barisciano, Giglio, Corvaglio e Mormile. L’allenatore sceglie di inserire tra i pali il portiere Desiato, difesa da Barisciano, Scognamiglio, Izzo e Giglio; a centrocampo ci sono Corvaglio, Ciriello, Zimbardi ed il giovane Di Nuzzo; in attacco spazio all’esperienza di Mormile che compone il tandem con Ianniello. Si siedono in panchina Sivo, Carfora, Ferraro, Sergio, Cicchella, Marone, Iuliano. L’arbitro è Flavio Albano.

VIDEO

LA GARA.

Come un’aquila che dall’alto mira la sua preda e si ciba di essa, i verdazzurri non perdono tempo: è il 5′ minuto di gioco quando Mariniello va a battere una punizione dal versante destro dell’area di rigore avversaria, la palla arriva a Biondi sul secondo palo, l’esterno la rimette in mezzo, proprio sulla testa di Bella Donna, che è più lesto di tutti ed insacca. Il goal del vantaggio galvanizza i protagonisti in campo che sono pericolosissimi prima con Biondi, che, al 18’, lascia partire una bordata pazzesca che sibila il palo, poi con Mariniello, al 24’, la cui staffilata da 20 metri termina sul fondo. Impressionante la prova del talento del Gricignano Biondi: in campo è praticamente ovunque ed ogni volta che tocca palla si legge la paura sui volti degli avversari. I padroni di casa, con il passare dei minuti, sembrano togliere il piede dall’acceleratore, permettendo agli ospiti di guadagnare metri in campo e di fraseggiare molto spesso. Tuttavia, i tentativi della Virtus Maddalonese risultano essere semplici “telefonate” per Silvestri. Natale ricorda Maicon dei tempi migliori all’Inter: le sue corse sulla fascia sono implacabili. Ancora Biondi: è il 34’ quando l’esterno salta praticamente tutti per poi provare il tiro alla “Del Piero” sul palo più lontano, niente da fare nell’economica della partita, ma è da apprezzare l’idea. Cusano si accascia ed è costretto ad uscire, al suo posto Turco. Mariniello, sul finire di tempo, si becca il cartellino giallo per non aver rispettato la distanza sulla battuta di una punizione. Il primo tempo termina col risultato di 1-0. Esposito, negli spogliatoi, si fa sentire, e non poco: al tecnico non va giù il comportamento assunto dalla sua squadra nella fase finale della prima frazione.

RIPRESA. La strigliata ricevuta dal mister carica i giocatori del Gricignano Calcio, che entrano in campo con le idee chiare: bisogna segnare al più presto possibile. E’ una fame di vittoria a cui non vi è ostacolo ed anche in campo si vede: Biondi se ne porta tre dietro sulla fascia sinistra e mette in mezzo il pallone, che De Cicco, a tu per tu con il portiere, non può sbagliare. E’ 2-0 quando scocca il 48′. La Maddalonese non ci sta e riapre i conti al 51′: Turco, entrato al posto di Cusano, tocca con il braccio inducendo il direttore di gara, Albano, a decretare il calcio di rigore; sul dischetto si presenta Mormile, numero 10 degli ospiti, che realizza il goal che accorcia le distanze. Anche Izzo si becca il giallo. Lo schiaffo preso causa l’ira del Gricignano, che allunga: Di Luise, al 58′, servito da Di Domenico, si libera con una grande giocata del difensore avversario e spedisce il pallone all’incrocio dei pali. 3-1. La Maddalonese tenta di cambiare le carte inserendo, tra gli altri, Marone al posto di Di Nuzzo. In campo ormai è accademia: Biondi delizia il pubblico con giocate di classe, Natale è un treno sulla corsia, Mariniello si prende le chiavi del centrocampo ed imposta a suo piacimento. Tutto si muove alla perfezione ed arriva la capitolazione: Biondi elude mezza difesa avversaria e col piattone mette nell’angolino basso siglando il 4-1 all’80. Andreozzi fa il suo ingresso in campo al posto di Di Domenico, De Luise esce tra gli applausi del pubblico, entra Fabozzo. Nel finale, all’ 86′, arriva la gioia proprio per Fabozzo che, solo in area, non ha problemi a sigillare il risultato sul 5-1.

COMMENTI. Quasi senza voce, ma felice, Francesco Esposito a fine gara: “Questa vittoria è il premio giusto per l’allenamento che questo gruppo svolge durante tutta la settimana. Questo è un gruppo straordinario. Devo, comunque, ammettere che i miei ragazzi non mi sono piaciuti nella seconda parte della prima frazione: abbiamo rischiato troppo, con più cattiveria potevamo già essere sopra di qualche goal”. Giovanni Scalera deve “amalgamare” la sua squadra: “I ragazzi si sono allenati poco insieme e questo si è sentito nel corso della gara. Ovviamente, poi, anche la stanchezza ha fatto la sua parte. Ho fiducia nella mia squadra”.

SINTESI. 9 reti in due partite ed un solo goal al passivo: il Gricignano continua a volare sulle ali dell’entusiasmo ed inizia sempre più ad assumere le sembianze della “squadra da battere”. Per la Virtus Maddalonese poche luci in un oceano di ombre.

Ultimi Commenti

Ultimi Tweets