Gricignano

Cesaro: “La figura del presidente del Consiglio è indispensabile”

 GRICIGNANO. In risposta a quanto hanno criticato la figura del Presidente del Consiglio Comunale, ritenendola uno spreco di risorse non essendo la stessa una figura indispensabile, …

… il sottoscritto dott. Salvatore Cesaro, in qualità di Presidente del Consiglio Comunale, sente l’obbligo di evidenziare come tale carica, risulti nell’attuale realtà comunale assai indispensabile al fine di attenuare l’aspro contrasto esistente tra la Maggioranza e l’Opposizione.

Nell’ultimo Consiglio Comunale del 28/11/2012, convocato e presieduto dal sottoscritto, si è avuto modo di notare che vi è un clima molto ardente e assai difficile da gestire soltanto con la figura del Sindaco, già gravato da un eccessivo lavoro dovuto alla riorganizzazione della macchina amministrativa.

Il sottoscritto, quindi, in qualità di Presidente del Consiglio Comunale, ritiene che vi sia la assoluta indispensabilità di questa figura che svolge tra le varie funzioni quella di garantire il regolare svolgimento delle adunanze consiliari.

Da un punto di vista tecnico, la figura del Presidente del Consiglio comunale nasce proprio per evitare che il Sindaco, oggetto del controllo, fosse il soggetto preposto a regolare il funzionamento del Consiglio, organo controllore.

Il Presidente, in ossequio all’art. 39 del Decreto Legislativo n. 267/2000, ha il compito di garantire il corretto svolgimento dei lavori del Consiglio, ponendosi in una posizione diprimus inter partesfra i consiglieri comunali (dalle cui fila viene eletto) al fine di dirigere e coordinare il lavoro degli altri componenti del collegio. Il suo, pertanto, è un ruolo istituzionale dovendosi svolgere in completa autonomia, non solo dai partiti politici e dai gruppi consiliari ma anche e soprattutto, dal sindaco e dalla giunta.

In occasione dell’ultimo Consiglio Comunale del 28/11/2012 si è avuto modo di appurare come il concetto di politica abbia subito in modo positivo un reale rinnovamento, tenuto conto che tra le file della maggioranza e di quelle dell’opposizione vi siano soggetti del tutto nuovi all’ambiente politico, pertanto desiderosi di mettere alla luce le proprie competenze professionali, uscendo talvolta al di fuori degli argomenti posti all’Ordine del Giorno indicati di seguito:

Approvazione verbali seduta precedente;

Assestamento Generale di Bilancio per l’anno 2012;

Nomina dei componenti della Commissione per la formazione degli elenchi dei Giudici Popolari.

Pertanto, si ricorda che qualsiasi legittima domanda sotto forma di interrogazione, interpellanza o mozionem debba seguire il suo iter procedimentale.

Si invitano i signori Consiglieri, i quali vogliano presentare le loro legittime istanze, a rispettare quanto statuito nel Regolamento del Consiglio Comunale.

Per la dovuta trasparenza e la necessaria imparzialità, il Presidente tiene a precisare che la questione posta sotto forma di “interpellanza” dal Dott. Commercialista Di Luise, Consigliere di Opposizione, così come affermato da lui stesso in tale sede, non poteva essere discussa oralmente in aula consiliare per le ragioni qui di seguito indicate.

L’art. 28 del Regolamento del Consiglio Comunale recita “L’interpellanza consiste nella domanda scritta rivolta al Sindaco o alla Giunta per conoscere i motivi della condotta dell’Amministrazione o i suoi intendimenti su un determinato argomento”. L’interpellanza è iscritta all’ordine del giorno delle sedute consiliari secondo l’ordine di presentazione ritenendo quindi che la stessa debba essere presentata prima della data prevista dell’adunanza e che alla stessa debba essere data risposta entro il termine di 30 giorni.

Le interpellanze, alle quali il Presidente o l’Assessore competente abbiano ritenuto di dare risposta scritta, non vengono discusse in aula consiliare, salvo che l’interpellante ne faccia espressa richiesta.

Inoltre, secondo quanto disposto dall’art. 68 del Regolamento del Consiglio Comunale, il Consiglio non può deliberare, né mettere a partito alcuna proposta o questione non iscritta all’ordine del giorno.

Per questo motivo, ed al solo fine di porre un freno all’euforia che spinge gli attuali Consiglieri Comunali, alla loro prima esperienza politica, si sente il dovere di ritenere che la figura del Presidente del Consiglio mira in prima battuta ad un regolare svolgimento delle sedute consiliari ponendo quindi alla base il rigoroso rispetto di quanto intriso nel Regolamento del Consiglio Comunale.

Orbene, l’attuale Presidente del Consiglio Comunale informa la cittadinanza che questo compito verrà svolto nella massima neutralità ed imparzialità possibile, facendo rispettare quanto disposto dal Regolamento del Consiglio Comunale che disciplina il corretto svolgimento delle adunanze.

Consapevole del difficile compito che sarà chiamato a svolgere nel prosieguo dell’attività consiliare, porge sentiti ringraziamenti all’intera popolazione che, nell’ultimo Consiglio Comunale, ha mostrato un segno di forte interessamento per la vita politica del proprio paese, vista la massiccia partecipazione, segno di un ineludibile ed indiscutibile rinnovamento dell’attività politica locale.

Il Presidente del Consiglio Comunale

Dott. Salvatore Cesaro

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico