Napoli Prov.

Paracadutisti, sezione Anpdi intitolata a Polverino e Gambaudio

 CASERTA. Il Consiglio direttivo della sezione casertana dell’ANPd’I – Associazione Nazionale Paracadutisti d’Italia – con il presidente Michele Franzese, Antimo Rivetti viceresidente, Tommaso Ferraiolo direttore tecnico, Giuseppe Criscuolo Economo, Filippo de Gennaro, presidente del Collegio dei Revisori dei Conti, …

… con i membri, Mario Solinas e Alessandro Carfora, Gaetano Surdi Segretario, ha inteso cointestare il labaro del sodalizio casertano “G. Gambaudo” – a Renzo Polverino.

La significativa novità è stata ufficializzata domenica 16 dicembre, giorno e mese della nascita di Renzo Polverino nel corso di un’apposita cerimonia tenutasi nell’Eremo di San Vitaliano in Casola di Caserta, retto da Don Valentino Picazio. Sul labaro associativo, di recente fattura, donato all’Associazione da Angelo Polverino, figlio dell’eroico Renzo, per onorarne degnamente la memoria, i presenti hanno potuto vedere riportati i nomi di Polverino e Gambaudo.

Entrambi ufficiali paracadutisti della leggendaria divisione Folgore, combatterono a El Alamein il 24 ottobre 1942. In quell’epica giornata Gambaudo cadde eroicamente e gli fu assegnata la Medaglia d’Oro alla memoria. Renzo Polverino, mentre combatteva eroicamente contro soverchianti forze nemiche e con singolare sprezzo del pericolo, fu gravemente ferito. Fatto prigioniero dagli inglesi, fu rinchiuso in un P.O.W britannico fino alla fine della guerra.

Nel 1976 Polverino, quale primo Presidente della neo costituita Sezione Paracadutisti di Caserta, propose l’intitolazione al compagno d’arme Giovanni Gambaudo. La cerimonia, ha avuto inizio con la proiezione di un video dei lanci effettuati dai ragazzi del 1° corso 2012 della sezione. Successivamente sono stati presentati 34 allievi paracadutisti, il cui tutor è Vincenzo Santonastaso, amico fraterno di Polverino, cofondatore con lui e con altri della sezione casertana e decano dei parà casertani. Poi il momento più atteso: il vecchio e glorioso Labaro viene privato della freccia e dal drappo, il nuovo labaro viene avvolto in un nastro tricolore.

La madrina della cerimonia, paracadutista Annunziata d’Aiello lo consegna ad Angelo Polverino, che – unitamente alle sorelle Giulia ed Annalisa – lo presenta al folto pubblico. Durante l’omelia Don Valentino Picazio ha rivolto parole di ammirazione per gli eroici combattenti di El Alamein, per i ragazzi che recentemente si sono brevettati paracadutisti, per l’Associazione per l’impegno profuso per i giovani parà. Altro momento significativo la lettura toccante della preghiera del paracadutista, da parte di Antimo Rivetti, Vice Presidente della sezione casertana dell’ANPd’I.

La preghiera fu scritta da padre Giovanni Scantamburlo, uno dei Cappellani della Divisione Folgore, la notte dopo il suo primo lancio nel 1941. La benedizione del nuovo drappo ha concluso la sobria e significativa cerimonia, la Santa messa è stata allietata dal coro Gospel dell’Eremo di San Vitaliano con canti religiosi e non. Molti gli amici presenti della Sezione A.N.P.d’I Gambaudo-Polverino.

Tra gli altri, il Preside dell’Istituto tecnico Aeronautico della Fondazione “Villaggio dei Ragazzi” di Maddaloni, Ing. Giusto Nardi, la professoressa Mariella Vigliano Vice preside dell’Istituto Tecnico – indirizzo aeronautico di Grazzanise. Il presidente Michele Franzese ha ringraziato i presenti per la loro partecipazione, augurando un Buon Natale.

Gli auguri sono stati espressi in modo solidale ai due Sottufficiali del Battaglione San Marco, ancora trattenuti in India. Sono stati poi consegnati i gagliardetti della Sezione casertana a Don Valentino Picazio, ad Angelo Polverino – per Donna Maria Drago, vedova Polverino, ha ritirato la figlia Giulia – al Generale Ippolito Gassirà, al Colonnello paracadutista Riccardo Caimmi, Comandante del reggimento di Supporto del raggruppamento Unità addestrative in Capua.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico