Casal di Principe - San Cipriano - Casapesenna

Casapesenna, vandalizzati simboli di legalita’: condanna del Comitato Don Diana

 CASAPESENNA. Il direttivo del Comitato Don Diana esprime ferma e decisa condanna per i fatti accaduti a Casapesenna, al di là delle ragioni o dello scopo che ha guidato le mani di chi prima ha vandalizzato la sede di Legambiente, …

… che è pure presidio di Casapesenna di Libera Caserta, e poi ha danneggiato, nella giornata del 7 dicembre, la targa in ricordo di Antonio Cangiano, innocentemente gambizzato dalla camorra, posta all’ingresso del centro sociale a lui intitolato su Corso Europa.

“Il Comitato don Diana, – si legge in una nota – impegnato nella costruzione di comunità sane e solidali, ed animato dal desiderio di trasformare le terre di camorra in ‘Terre di don Diana’, non può non biasimare chi per semplice bravata o per altro, colpisce e deride presidi di legalità”.

“Aspettando che si faccia luce sulla cronaca degli ultimi tre giorni a Casapesenna, – continuano dal comitato – non resteremo con le mani in mano rischiando di disperdere i semi di buone pratiche. Nella sede di Legambiente e del presidio Libera Casapesenna si terrà una riunione del direttivo del Comitato don Diana per riflettere insieme su una nuova progettualità per il paese. Verrà poi, presentata richiesta per poter organizzare all’interno del centro sociale dedicato ad Antonio Cangiano, una riunione di tutti i presidi aderenti alla rete casertana di Libera e delle associazioni, cooperative ed organizzazione che fanno parte del Comitato don Diana, a testimonianza di un impegno che si rinnova ogni giorno”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico