Caiazzo - Castel Morrone - Piana di Monte Verna - Castel Campagnano - Ruviano

Castel Morrone, UC: “Rieccoli i furbetti del quartierino”

 CASTEL MORRONE. Il gruppo di maggioranza di Rinascita Morronese, con la consueta prepotenza irresponsabile e disastrosa per il paese, ha fatto andare deserto il Consiglio comunale convocato per il 12/12/2012.

Un’aula gelida anche nella temperatura ha accolto i quattro Consiglieri dell’Unione Civica, l’unico consigliere Udc, Antonio Damiano e il solo Presidente del Consiglio comunale, ed ha registrato l’assenza dei restanti otto Consiglieri di maggioranza, Sindaco compreso. All’ordine del giorno vi erano un’interpellanza e due interrogazioni del consigliere Aniello Riello su argomenti molto importanti per la cittadinanza e per le vicende politiche ed amministrative del paese.

Anzi, una delle interrogazioni, quella sulla ormai nebulosa vicenda della privatizzazione dei servizi cimiteriali, oltre a richiedere delle delucidazioni su palesi violazioni di legge da parte dell’Amministrazione, puntava l’indice su di un aspetto piuttosto inquietante riguardante i requisiti “antimafia”, a quanto pare non soddisfatti, di una delle ditte in predicato di assumere l’appalto in quanto aggiudicataria della gara.

Il Sindaco, spalleggiato dai suoi docili “yes man”, ha preferito non rendere conto all’opposizione e al paese di queste spinose questioni e si è dato ad una vera e propria fuga istituzionale, disertando e facendo disertare in massa la seduta. Il giorno successivo, in seconda convocazione, si ripeteva ancora una volta una nota farsa a cui Castel Morrone non meriterebbe di assistere mai: oltre al Presidente, obbligato dal ruolo, per la maggioranza si presentava un solo assessore con il preciso, famigerato compito, ormai collaudato, di fornire risposte confuse e approssimative, coprendo la colpevole latitanza del Sindaco di fronte alle sue responsabilità.

A questo punto, i Consiglieri dell’Unione e il consigliere UDC Damiano, esasperati da questa ennesima prova di scarsa serietà da parte della maggioranza, decidevano di non partecipare alla seduta facendola andare così deserta. Decisione grave questa, ma meditata e dettata dalla volontà di difendere le prerogative e la dignità del Consiglio a fronte delle reiterate e ormai annose offese portategli dalla maggioranza.

La riflessione politica su queste vicende porta i Consiglieri dell’Unione Civica a ritenere che questa ritrosia di Pietro Riello ad affrontare questioni importanti come il trasporto scolastico, la gestione del personale – ricordiamo che l’Ente Comunale è la seconda azienda presente sul territorio per numero di dipendenti – e la privatizzazione del cimitero, sia solo il segno della sua incapacità a fronteggiare gli enormi passi falsi compiuti in passato e i cui effetti deleteri vanno a manifestarsi oggi. Ma la nebulosa questione dell’appalto dei servizi cimiteriali, su cui l’interrogazione di Aniello Riello voleva fare un po’ di chiarezza, merita una menzione a parte.

La legge prevede che dal momento in cui un bando di gara arriva ad aggiudicazione definitiva all’affidamento vero e proprio del servizio, conclusione naturale del procedimento, non devono passare più di 180 giorni. Per il cimitero questo limite è stato oltrepassato di molto senza che abbia avuto luogo né l’inizio dei lavori e né un provvedimento di revoca.

La privatizzazione del cimitero galleggia in uno stato di sospensione ormai da anni, senza che vi siano spiegazioni o motivi ufficiali per questo inspiegabile stato di stallo. Ma in più, a complemento di questa anomalia, c’è il requisito antimafia non soddisfatto da una delle ditte aggiudicatrici. Il differimento immotivato della revoca dell’aggiudicazione in queste condizioni è una circostanza inquietante che meriterebbe un approfondimento, non solo di natura amministrativa ma, a questo punto, anche giudiziaria.

E’ superfluo sottolineare che questo caso veramente singolare di maggioranza che fa ostruzione consiliare non farà demordere i Consiglieri dell’Unione dal perseguire sempre e comunque gli interessi del paese e dal pretendere la più trasparente delle legalità degli atti amministrativi prodotti da questa Amministrazione indegna di alcun credito e alcuna fiducia.

Gruppo consiliare “Unione Civica per Castel Morrone”

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico