Sant’Arpino

Parcheggi, strisce rosa per le donne in gravidanza

 SANT’ARPINO. Importante novità per i cittadini grazie ad una delibera approvata dall’amministrazione comunale retta dal sindaco Eugenio Di Santo.

Saranno infatti istituiti i “parcheggi rosa” riservati alle donne in stato di gravidanza e alle mamme di bambini fino al compimento del primo anno d’età, con obbligo di esposizione dell’ apposito contrassegno temporaneo rosa di sosta rilasciato dagli Uffici Sociali del comune. L’iniziativa proposta dall’assessore Salvatore Lettera in collaborazione con la Commissione Pari Opportunità si inserisce nell’ambito di una politica di sensibilizzazione sociale e di tutela delle fasce deboli della popolazione tra le quali le donne in stato di gravidanza.

“Un gesto indispensabile – spiegano il sindaco Di Santo e l’assessore Salvatore Lettera – nei confronti delle donne in stato di gravidanza e delle neomamme al fine di agevolare la ricerca di posti auto soprattutto nelle zone nevralgiche del paese come il distretto dell’ Asl, il Palazzo Comunale, le scuole, le farmacie, le poste e i laboratori di analisi cliniche. Con questa decisione vogliamo portare il nostro comune ad essere sempre più a misura di donna, di mamma e di bambino. Si tratta di un segnale di attenzione concreta alla mobilità delle donne in gravidanza e alle esigenze logistiche delle mamme. Queste ultime potranno vivere con più serenità i momenti di utilizzo e di parcheggio dei propri mezzi di trasporto. Ovviamente la prescrizione non è sanzionabile poiché non prevista dal codice della strada ma confidiamo che i cittadini di Sant’ Arpino rispetteranno questi spazi. Per questo è importante appellarsi al senso civico e di solidarietà di tutti i cittadini, residenti e non, affinché recepiscano il gesto di sensibilità dell’amministrazione comunale e lascino comunque liberi i parcheggi rosa esclusivamente dedicati alle donne in gravidanza e alle neomamme”.

I parcheggi rosa avranno strisce di colore rosa ed un cartello con sopra evidenziata una “P” che ritrae una cicogna. Per poter richiedere il contrassegno, è necessario presentare un certificato medico che attesti lo stato di gravidanza, oppure di essere madre di un figlio o di una figlia di età inferiore ad un anno; essere residente o domiciliata nel Comune di Sant’ Arpino ed essere in possesso della patente di guida in corso di validità di categoria B o superiore. Il contrassegno è valido fino al trentesimo giorno successivo alla data presunta del parto e può essere esteso fino alla data di compimento del primo anno del proprio figlio. Ciascuna donna può richiedere un solo contrassegno su cui verranno trascritte massimo due targhe delle autovetture che si intende utilizzare. Durante la sosta, il contrassegno deve essere esposto sul cruscotto dell’auto.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico