Santa Maria C. V. - San Tammaro

“I Sammaritani” presentano eventi al Teatro Garibaldi

 SANTA MARIA CV. Portare il nome di Santa Maria Capua Vetere alla ribalta nazionale. E’ questo un obiettivo che non appartiene solo all’amministrazione comunale o al gruppo consiliare dei Sammaritani, ma dovrebbe essere condiviso da tutti coloro che hanno a cuore le sorti della nostra città.

E’ con questo spirito che abbiamo promosso, accanto alla tradizionale e prestigiosa stagione di prosa organizzata dal Teatro Pubblico Campano, una serie di eventi all’interno del “Garibaldi” insieme all’agenzia Insonnia di Nicola Convertino.
Si tratta di appuntamenti sui quali stiamo lavorando con impegno e convinzione. Qualche sbavatura è certamente da correggere, ma non possiamo trascurare il fatto che si tratta di spettacoli che hanno e avranno una grande risonanza mediatica, attraverso passaggi televisivi e segnalazioni sulla stampa nazionale. Il nome della città di Santa Maria Capua Vetere deve essere portato al di là dei ristretti confini provinciali e regionali, proprio per costruire un’attrattività turistica e culturale che ad oggi manca.
Non è neanche il caso di ricordare che, ormai, il lavoro si crea in questi settori e quindi scagliare strali contro un tentativo che va nella direzione di dare visibilità alla città, al teatro e al patrimonio archeologico – con l’aspirazione di creare migliori opportunità occupazionali per il futuro – è francamente insensato e illogico.
Concedere l’uso del teatro Garibaldi gratuitamente è stato il piccolo contributo offerto dall’amministrazione in cambio di una serie di eventi di grande richiamo e di una politica di promozione del territorio che riteniamo efficace e foriera di risultati importanti per la città. Sabato 17 novembre, ad esempio, si terrà un concerto di Eugenio Bennato, nell’ambito del Festival di Napoli, con la presenza delle telecamere di Mediaset. L’appuntamento da non perdere è alle 21 al teatro Garibaldi.
Con la stessa agenzia stiamo, in questi giorni, lavorando per portare ad aprile – nello splendido contesto dell’area archeologica dell’anfiteatro – un artista internazionale come Andrea Bocelli.
Il nostro impegno continua – al di là di critiche strumentali, infondate e poco costruttive – e, nel prossimo futuro, cercheremo di far sì che, all’interno del teatro Garibaldi, venga allestita una buvette degna di questo nome e consona al prestigio del nostro “piccolo San Carlo”.

Giuseppe Barbato, Carmine Munno
consiglieri comunali “I sammaritani”

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico