Lusciano

Ambito C8, presentato progetto a favore delle donne

 LUSCIANO. “L’Ambito C08, ancora una volta, punta a garantire la piena partecipazione delle donne alla vita politica, economica, sociale, culturale e civile, nei sette comuni che lo compongono, quale fattore di democrazia sostanziale e rimuovendo ogni forma di discriminazione contro le donne”.

Così Ernesto Di Mattia, coordinatore dell’Ambito C08, annuncia la presentazione in Regione del progetto “Accordo territoriale di genere”, volto a favorire l’accesso all’occupazione, la partecipazione sostenibile e l’avanzamento delle donne nell’occupazione, principalmente rendendo più accessibili i servizi educativi per la prima infanzia e altre prestazioni sociali volte a favorire la conciliazione dei tempi di cura familiare e di lavoro.

“Grazie alla sinergia con i commissari del Comune capofila di Lusciano, con i componenti del coordinamento istituzionale e con l’ausilio dell’Ufficio di Piano – continua Di Mattia – abbiamo tenuto conto di un altro aspetto importante per le famiglie, ossia il valore sociale della maternità e della paternità, onde sostenere la genitorialità come scelta consapevole. Gli obiettivi specifici individuati sono stati: 1) Inserimento socio-lavorativo delle madri nubili del territorio, come strumento di emancipazione socioeconomica; 2) Incremento dei servizi di assistenza all’infanzia (da 0 a 3 anni) anche mediante la creazione di strutture nuove e il potenziamento dei servizi di assistenza domiciliare (Ads)”.

L’Ambito C08 è composto dai seguenti comuni: Lusciano (capofila), Parete, Trentola Ducenta, San Cipriano D’Aversa, San Marcellino, Villa Literno e Villa di Briano. Qualora la Regione Campania dovesse ammettere a finanziamento il progetto, che ha previsto un importo pari a duecentomila euro, il modello di governance adottato sarebbe quello di rispondere all’esigenza di coinvolgere tutti i soggetti pubblici e privati interessati alla realizzazione di interventi in materia di conciliazione dei tempi di lavoro-famiglia e di pari opportunità sul territorio dell’Ambito, in un processo condiviso e partecipato, sia nell’assunzione delle decisioni che nell’attuazione delle medesime, in linea con gli obiettivi generali assunti dalla programmazione regionale. “Prima di consegnare gli incartamenti – prosegue il coordinatore dell’Ambito C08 – è stato emanato un bando per la ricerca dei soggetti partner, interessati a collaborare al progetto. I soggetti partner sono coloro che avranno la funzione di governance dell’intero accordo, garantendone la piena attuazione, attraverso un’azione di monitoraggio”.

Hanno risposto all’appello: “L’associazione La Bussola”, il Consorzio “Sinergia”, Assist, la Cooperativa “La Rinascita”, la Cooperativa sociale “New life”, l’associazione “Treschool”, “Eos Soc. Coop.” e la Cgil di Caserta. Il soggetto capofila della Rete è l’Ambito C8 (per il tramite del Comune Capofila – Lusciano-), con funzione di coordinamento del complesso degli interventi attivati sul territorio e della responsabilità di coinvolgere ciascun soggetto sottoscrittore in tutte le fasi di governo, assicurando la piena realizzazione delle progettualità e degli adempimenti ad esso connessi, procedendo altresì alla verifica puntuale della programmazione e all’avanzamento degli interventi nel rispetto delle previsioni temporali, delle fasi e delle modalità definite nell’ambito di un tavolo politico-istituzionale. Il Tavolo politico-istituzionale è composto dai rappresentanti dei soggetti-partner dell’Accordo Territoriale. Per avere supporto nella stesura del piano, nello sviluppo delle varie fasi dell’Accordo e nella realizzazione degli interventi e delle azioni (inclusi gli incontri e il confronto con gli Aderenti) il Tavolo nominerà un gruppo tecnico, costituito da rappresentanti di ciascun partner.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico