Italia

Topi ed escrementi nelle aule e in cucina al nido comunale

 ROMA. “È una situazione incresciosa: qui tutti i genitori lavorano e ora, oltre a pagare ogni mese una retta che non prevede un rimborso per i giorni in cui l’attività viene sospesa, dovranno pagare anche una baby sitter”.

Così ha dichiarato una mamma indignata della situazione che, ormai, si sta verificando da parecchio giorni presso l’asilo nido la “Bussola d’Oro” di Trullo, nel XV Municipio di Roma. Aule e cucina invase da topi ed escrementi.

A denunciare l’accaduto sono state proprio le mamme. Il primo episodio risale a lunedì 29 ottobre quando, all’apertura dell’asilo, i dipendenti avevano trovato cucina e aule sporche. In quella occasione era stata eseguita una derattizzazione che aveva costretto la direzione a tener chiuso il nido per due giorni. Venerdì, però, quando i bambini sono tornati a scuola, le educatrici sono state costrette a rimandarli a casa perchè nelle aule erano ancora presenti numerosi escrementi.

Cosa che si è ripetuta la mattina di lunedì 5 novembre, creando numerosi disagi ai genitori dei bambini, costretti a riportare i figli a casa. “Se serve la derattizzazione sarà ripetuta fino a quando il problema non sarà risolto”, ha detto il presidente del XV Municipio, Gianni Paris.

“Purtroppo – ha aggiunto – l’asilo è circondato da un terreno che si presta all’insediamento di topi”. E il nido “La Bussola d’Oro” non sarebbe l’unico a essere infestato dai roditori. “In questi ultimi tempi – rivela Paris – sono arrivate diverse segnalazioni da scuole e da genitori che denunciano la presenza di topi”.

“Si va avanti a forza di derattizzazioni, ma il paradosso – spiega Paris – è che i fondi per questi interventi sono terminati e se non si approva il bilancio siamo costretti ogni volta a fare uno storno”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico