Italia

Ruby, Sorcinelli: “Ho sentito di foto e video su feste ad Arcore”

Alessandra SorcinelliMILANO. Alessandra Sorcinelli, una delle ragazze presenti alle serate ad Arcore, ha raccontato, testimoniando al processo cosiddetto “Ruby 2”, di aver sentito “voci di video e di foto che giravano” realizzati all’interno della residenza dell’ex premier Silvio Berlusconi.

La ragazza però, rispondendo alle domande del pm Antonio Sangermano, non ha indicato chi l’avesse messa al corrente di queste “voci”. Ha spiegato però di aver informato l’ex presidente del Consiglio che giravano queste indiscrezioni su video e foto.

La showgirl è la ragazza che, stando all’inchiesta sul caso Ruby, ha ricevuto i soldi dall’ex premier: 115 mila euro di bonifici nel 2010. La testimone ha raccontato anche di ricevere attualmente “2.500 euro al mese” da Berlusconi, così come le altre ragazze che hanno preso parte alle serate ad Arcore. Quando il pm le ha chiesto se lei avesse mai saputo che erano state scattate foto e girati video ad Arcore, la ragazza ha risposto di aver “sentito delle voci”, chiarendo anche di averlo detto “al presidente che qualche ragazza aveva fatto qualche foto”. Il pm le ha chiesto chi le avesse detto di queste voci e Sorcinelli ha risposto: “Non c’è una persona precisa, c’erano solo voci, io queste foto e questi video non li ho mai visti”.

Al processo ha testimoniato anche Francesca Cipriani. L’ex gieffina ed ex partecipante de ‘La pupa e il secchione’ ha raccontato di aver ricevuto di recente un aiuto economico di 10mila euro da Berlusconi. “Gli ho chiesto aiuto – ha detto – perché in tv non mi fanno più lavorare dopo lo scandalo”. Nel corso della sua testimonianza, ha spiegato inoltre di aver ricevuto al termine di una serata ad Arcore un braccialetto e un busta con duemila euro. “Lui è un uomo che omaggia”, ha risposto Cipriani al pm Sangermano che le aveva chiesto quali fossero i motivi di quelle regalie. La ragazza, inoltre, ha raccontato che “Berlusconi mi ha detto ‘l’Italia ha bisogno di ragazze con le tue doti comiche'”.

Intanto, la Cipriani è anche tornata sulla zuffa con Lele Mora spiegando i motivi del litigio. L’ex agente dei vip, dopo essere uscito dal carcere e dopo la condanna per bancarotta, ha sempre spiegato di aver cambiato vita e di non voler più frequentare il mondo della tv. Ora, invece, Cipriani, rispondendo alle domande del pm Sangermano, il quale le ha chiesto di una lite avvenuta nei giorni scorsi tra lei e Mora in un ristorante milanese, ha detto che “qualcosina, Mora, continua a seguirlo comunque” nel mondo dello spettacolo. La ragazza in particolare ha chiarito che il motivo della lite (ha denunciato di essere stata aggredita e picchiata) era dovutoal fatto che lei avrebbe dovuto andare col suo ragazzo a una trasmissione di Barbara D’Urso e fare una copertina per un settimanale, ma aveva rifiutato. “Lui si è arrabbiato – ha spiegato l’ex gieffina – e un pomeriggio mi ha chiamato inveendo contro di me e dicendo parolacce”.

Fuori dal tribunale la Cipriani ha poi raccontato ai giornalisti che Mora si è scagliato contro di lei “con le parole e non solo” (disse di essere stata schiaffeggiata). “Una cosa davvero brutta, ci sono rimasta molto male”, ha aggiunto, spiegando di essere sempre stata vicina all’ex agente dei vip: “Sono stata l’unica ad essere andato a trovarlo in carcere”. E proprio i mesi passati dietro le sbarre, secondo la Cipriani, hanno “profondamente cambiato” Mora.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico