Italia

Pedopornografia on line: “Torture a bambini”. Arresti in tutta Italia

 SALERNO. Una vasta operazione, con la notifica di una decina di ordinanze di custodia cautelare e numerose perquisizioni è in corso in varie regioni italiane al termine di un’indagine svolta dalla polizia postale per la Campania.

Gli investigatori hanno scoperto un gruppo di persone insospettabili che si scambiava e divulgava materiale pedopornografico con particolare riguardo a materiale inedito di grande crudezza. Tra le persone arrestate anche in Lazio, Umbria, Liguria, Piemonte, Lombardia, Veneto ci sono operai, impiegati pubblici e privati, professionsiti. Fermata ancheuna donna, casalinga.

Tra i milioni di immagini e video, scoperti dalla Polizia Postale della Campania, vi sono anche filmati e foto di neonati sottoposti a violenze sessuali e torture. Gli investigatori non escludono che in alcuni casi possano aver portato anche alla morte di piccole vittime.

Le immagini e i video pedopornografici del database erano suddivisi per categorie: quelli più crudi erano classificati come “hurtcore” e “death”. Il materiale individuato dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni della Campania, durante il blitz scattato al termine di indagini coordinate dalla Procura Distrettuale di Salerno, è ritenuto uno dei più cospicui finora scoperti.

La banda di insospettabili agiva sul cosiddetto “deep web”, una sorta di rete invisibile che garantisce agli internauti completo anonimato.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico